Sport

Il ping pong e il calciobalilla sono come le slot machine?

CNA Turismo di Pesaro e Urbino punta il dito contro la determina dell’Agenzia delle Accise delle Dogane e dei Monopoli, secondo la quale i titolari dei pubblici esercizi in cui sono presenti ping pong e calciobalilla sono costretti a produrre una documentazione specifica finalizzata ad attestare che i giochi in questione non permettano di ottenere vincite in denaro. Ebbene, secondo CNA Turismo si tratta di un adempimento in più di cui si fa fatica a capire l’utilità. Risulta poco comprensibile, in particolare, l’intento di perseguire i pubblici esercizi per l’impiego di tavoli da ping pong e calciobalilla, in modo particolare in un contesto storico come quello attuale caratterizzato dai rincari dell’energia e delle materie prime.

Chi sarà colpito

La richiesta è contenuta in una determina il cui contenuto riguarderebbe numerose attività del settore: appunto, tutti i pubblici esercizi che mettono a disposizione dei propri clienti ping pong e calciobalilla. In base a quanto reso noto da CNA Turismo, né i tavoli da ping pong né i biliardini dovrebbero essere oggetto di ulteriori obblighi di carattere burocratico, dal momento che nessuno può immaginare che tali giochi garantiscano dei premi in denaro.

Operatori del settore in allarme

È facile intuire la ragione per la quale questi obblighi di nuova introduzione, che appaiono a dir poco incredibili, hanno destato allarme fra parecchi operatori del settore. Se si tiene conto di ciò che è stato riferito da CNA Turismo, i titolari di pubblici esercizi per non correre il rischio di subire delle sanzioni anche pesanti potrebbero decidere di togliere sia i biliardini che i tavoli da ping pong, facendo venir meno due attività molto diffuse fra gli italiani di tutte le generazioni e che in un certo senso sono entrate a far parte della nostra storia, non solo legata al gioco.

Le richieste di CNA Turismo e Commercio

Già in precedenza CNA Turismo e Commercio era riuscita a chiedere e ottenere una proroga rispetto all’entrata in vigore di questo provvedimento. Adesso, in maniera definitiva, si reclama un intervento ad hoc attraverso il quale si escludano in modo definitivo sia il ping pong che il calciobalilla dalle norme che riguardano la disciplina dei giochi che permettono di usufruire di vincite in denaro. In effetti, il biliardino sembra avere nessuna relazione con le slot machine gratis, con il poker o con la roulette.

Mr. Red

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e questo è quanto basta.
Back to top button