Esteri

Il tifone Odette colpisce le Filippine: oltre 190mila persone evacuate

Il tifone Odette è arrivto nelle Filippine, dove sono state evacuate decine di migliaia di persone. Il tifone è passato da una tempesta di categoria 5 a una tempesta di categoria 3 toccando terra sull’isola di Siargao, nota località turistica sulla costa centro-orientale.

Odette, il quindicesimo tifone a interessare le Filippine quest’anno, ma dovrebbe ritirarsi dal Paese nelle prossime ore

La tempesta, che inizialmente aveva colpito con venti fino a 260 km/h e raffiche di oltre 300 km/h, si è spostata verso ovest, passando direttamente su Cebu giovedì sera, una città di quasi 1 un milione di persone.

Altre aree colpite includono l’intera provincia di Surigao del Norte e parti di Surigao del Sur. Colpite anche la provincia di Bohol e parti di Agusan del Sur.

Le interruzioni sulle linee elettriche e di comunicazione hanno ulteriormente complicato le operazioni di salvataggio, con i funzionari incapaci di determinare l’entità del danno. Più di 30 linee di trasmissione sono interrotte nella regione di Visayas e Mindanao, un importante gruppo di isole.

Giovedì il National Disaster Risk Reduction and Management Council del paese ha dichiarato:

Circa 198.000 persone sono già state evacuate dalle loro case verso rifugi governativi

Le prime evacuazioni si erano già verificate a inizio settimana, quando forti piogge si sono abbattute sul Paese. Nella giornata di martedì, nella provincia centrale di Misamis Oriental, il fiume Agay-ayan è straripato.

La preoccupazione maggiore riguarda soprattutto le piccole città situate sulla costa, abitate più che altro da pescatori e gente che potrebbe non avere accesso agli annunci del governo o non essere in grado di evacuare.

Molti villaggi situati lungo il percorso del tifone Odette sono infatti a rischio inondazioni e frane, con il terreno della regione già saturo e instabile a causa delle forti piogge verificatesi nel corso della settimana.

Ecco alcune immagini del meteorologo neo zelandese Ben Noll postate su Twitter nella giornata di ieri:

Segui Metropolitan Magazine su Facebook

Back to top button