Pallavolo

Italia-Brasile 2-3, Mondiali Volley femminile: primo KO azzurro

Prima gara portata al tie break e primo KO delle Azzurre in questo mondiale di volley. L’Italia si è infatti arresa davanti ad un Brasile ‘a trazione Gabiper 2-3 (20-25, 25-22, 25-22, 21-25, 15-17) e dopo una gara durata circa due ore e mezza. Come facilmente immaginabile si è trattato di un match combattuto forse condizionato da qualche errore e disattenzione di troppo per la squadra di Mazzanti. Andiamo dunque a rivivere tutto quello che è successo in Italia-Brasile.

Italia-Brasile 2-3, Gabi inarrestabile e le Azzurre pagano anche i loro errori

Italia-Brasile 2-3 (Crediti foto: Federazione Italiana Pallavolo | Facebook)

Scambi su scambi, punti combattuti e match stesso dall’esito incerto fino alla fine. Italia-Brasile prometteva spettacolo e tensione (agonistica) ed ha rispettato a pieno le attese. Alla fine la formazione verdeoro l’ha spuntata al tie break e così sono arrivati due punti per loro e uno invece per Egonu e compagne. Dal momento in cui il primo set prende il via, viene a mancare quasi il tempo per respirare tanto è tesa l’aria. L’Italia parte anche bene con un parziale di 3-0, ma poi il Brasile fa capire quello che sarà l’andazzo complessivo dell’incontro: un infinito tira e molla da entrambe le parti. Sull’8-10 la selezione sudamericana prova a scappar via, complice anche uno dei tanti strappi di Gabi, che alla fine chiuderà con 30 punti all’attivo. La squadra di Mazzanti però non molla e cerca sempre di ricucire ogni distacco e soprattutto lo stesso tecnico durante un time-out, chiamato sull’11-14, esprime un concetto molto chiaro: il mondiale comincia ora. Le verdeoro dunque riescono sempre a mantenere una distanza di sicurezza e chiudono il primo set con un 20-25.

Il secondo set al netto di qualche errore è a tratti un vero spot per lo sport. Dal 4-3 in poi, l’Italia prende il largo, o almeno così sembrerebbe perché il Brasile resta sempre vigile. Si raggiunge un massimo vantaggio di 9-3, poi le verdeoro sfruttano qualche disattenzione e delle ottime prestazioni a muro e si riportano sotto di due soli punti sull’11-9. Protagonista assoluta si rivela poi essere Paola Egonu che riesce ad esprimersi ai suoi consueti livelli altissimi e soprattutto chiuderà il set al termine di uno scambio incredibile, da vedere e rivedere. Le Azzurre pareggiano dunque i conti con un 25-22.

Rimonta e controrimonta

Il terzo set comincia nel peggiore dei modi, con uno 0-4, ma con caparbietà l’Italia rimane attaccata alle giuste speranze, riportandosi sempre in carreggiata. E’ il set degli ace: se fino a questo momento erano un po’ mancati, se ne è fatto incetta in questa parte di gara. Il primo con Orro per il 5-7, poi con Danesi per il 9-9 e poi ce ne sarà un altro sul 21-18 da parte di Egonu. Il parziale finale sarà identico a quello del precedente set, ovvero 25-22 e con le Azzurre che si portano avanti per la prima volta.

Il Brasile raccoglie i pezzi, si affida in gran parte a Gabi e Tainara e rimette i conti a posto nel quarto set. Pesano qui i tanti errori su palle relativamente facili da parte della squadra di Mazzanti. L’emblema è l’errore al servizio di Egonu che sul 21-24 regala poi il pari alle brasiliane (21-25). Il tie break è un batti e ribatti continuo che conduce ad un 14-13 per il Brasile. Le azzurre sono brave ad annullare due match point, ma poi Gabi e il muro di Carol su Pietrini chiudono i giochi sul 15-17.

Oggi il Giappone

Dopo Italia-Brasile non c’è però tempo di piangersi addosso perché questo pomeriggio alle 14.15 le Azzurre saranno nuovamente in campo. Avversario odierno sarà il Giappone che ieri ha vinto contro il Belgio per 3-1. Intanto, dando uno sguardo alla classifica, l’Italia è rimasta pur sempre al comando con 16 punti, al secondo posto c’è proprio la formazione asiatica avversaria odierna con 15 punti e terzo il Brasile a quota 14.

Maria Laura Scifo

Seguici su Metropolitan Magazine

Seguici su Google News

Back to top button