CalcioSport

Italia-Liechtenstein 6-0: goleada azzurra al Tardini

Dopo il successo contro la Finlandia la Nazionale di Mancini affronta il Liechtenstein nella seconda gara di qualificazione al prossimo Europeo. 

Seconda partita di Qualificazione agli Europei per l’Italia di Mancini, che gioca nuovamente in casa ed ha la possibilità di fare altri tre punti abbastanza facili, contro una delle formazioni meno quotate del Girone J: il Liechtenstein. Dopo i primi gol in azzurro di Kean e Barella, ci si attende una conferma da parte di una squadra che può affrontare con entusiasmo e pochi timori la prossima partita.

Attenzione però, perchè nel calcio nulla è scritto, e quindi si dovrà mantenere alta la concentrazione ma il divario tra le due rose è importante ed anche i precedenti dimostrano che a Parma per gli Azzurri c’è un solo obiettivo: la vittoria.

Mario Frick è il miglior marcatore della storia della nazionale del Liechtenstein con un passato in Serie A tra il 2000 e 2009. Ha vestito le maglie rispettivamente di Arezzo, Ternana, Verona, Siena. (PHOTO CREDITS: WIKIPEDIA)

PRECEDENTI E STATISTICHE

L’Italia sfida il Liechtenstein per la terza volta nella sua storia. I due precedenti tra le due formazioni risalgono alle qualificazioni al Mondiale 2018, superate dagli azzurri con un punteggio complessivo di 9-0. Se la nazionale italiana chiudesse a porta inviolata anche il match di Parma, il Liechtenstein diventerebbe la seconda squadra incrociata almeno tre volte senza incassare gol, l’altra è l’Albania.

Il Liechtenstein non ha mai preso parte a fasi finali di Olimpiadi, Mondiali o Europei. Il miglior girone di qualificazione risale alle qualificazioni per i Mondiali 2006, quando conquistarono 8 punti, frutto di 2 vittorie (sul Lussemburgo) e 2 pareggi (contro Slovacchia e Portogallo).

ll miglior marcatore della Nazionale liechtensteinese è l’attaccante Mario Frick che ha militato in Serie A con le maglie di Hellas Verona e Siena con un bottino di 16 reti. Tra i convocati delle gare di marzo, figura anche il figlio Noah Frick, classe 2001, tesserato nel Vaduz proprio di papà Mario. Noah deve ancora debuttare con la maglia della Nazionale maggiore.

Il match si giocherà a Parma dove la tradizione è favorevole agli azzurri, che in 6 precedenti il pubblico del Tardini ha assistito a 5 vittorie ed 1 sola sconfitta, che però arrivò in amichevole con la Francia.

FORMAZIONI

Italia (4-3-3): Sirigu; Mancini, Bonucci, Romagnoli, Spinazzola; Sensi, Jorginho, Verratti; Politano, Quagliarella, Kean. Ct: Mancini

Liechtenstein (4-1-4-1): B. Büchel; S. Wolfinger, Kaufmann, Hofer, Göppel; Sele, Polverino, Wieser, Kühne; Hasler, Salanovic. Ct: Kolvidsson

Arbitro: Kirill Levnikov (Russia)

Marcatori: 17′ Sensi, 32′ Verratti, 35′ rig. Quagliarella, 45′ + 1 rig. Quagliarella, 69′ Kean, 76′ Pavoletti

Buon inizio per Roberto Mancini con la nazionale. Al tecnico di Jesi si riconosce soprattutto il merito di non aver paura a lanciare nella mischia i tanti giovani azzurri che quest’anno hanno fatto tanto bene in Serie A. (PHOTO CREDITS: GDS.IT)

LA CRONACA

I due capitani, Bonucci e Polverino, si scambiano i gagliardetti a centrocampo. Arbitra il russo Kirill Levnikov.

Si parte ed il copione è scontato con l’Italia tutta in avanti e
Liechtenstein che si copre nella sua metà campo. Al 4′ doppia occasione per Quagliarella, ci prova con una punizione al limite dell’area. Palla respinta dalla barriera e seconda conclusione di piatto dell’attaccante della Sampdoria che costringe il portiere ospite a mandare in corner.

Gli azzurri premono ma faticano a rendersi veramente pericolosi in area di rigore, finora la difesa del Liechtenstein riesce a respingere gli attacchi dei ragazzi di Mancini.

Ma improvvisamente al 17′ l’Italia passa in vantaggio. Bell’azione di Spinazzola sulla sinistra che arriva sul fondo e mette una dolce palla in area. Sensi, il più piccoletto, è il più lesto a raccogliere l’assist del terzino della Juve e con un colpo di testa riesce ad insaccare in gol. Primo gol in nazionale per il centrocampista del Sassuolo, e 1-0 Italia.

Ora che la squadra di Mancini ha sbloccato il match gioca più tranquilla senza l’affanno di segnare come nei primi minuti, mantenendo costante la pressione offensiva nella metà campo del Liechtenstein.

Al 28′ occasione per Mancini. Sugli sviluppi di un corner, il difensore dell’Atalanta si gira e prova a colpire a rete, ma non è nelle condizioni per coordinarsi facilmente .

L’Italia cresce e trova il raddoppio al 32′ con una grandissima azione individuale di Marco Verratti. Il centrocampista del PSG partendo da sinistra arriva in area, salta due avversari e conclude sul palo lungo dove Büchel non può arrivare. 2-0 Italia e match sempre più in discesa.

Gli azzurri sono incontentabili. Al 34′ il Liechtenstein si salva sulla linea di porta dopo una serie di rimpalli sugli sviluppi di un corner, poi Verratti arriva al tiro e c’è un mani in area. Rigore per l’Italia.

Si presenta sul dischetto l’uomo più atteso: Fabio Quagliarella. Il capocannoniere della Serie A spiazza il portiere con sicurezza e porta il risultato sul 3-0. Con questa rete, l’attaccante napoletano diventa il goleador più “anziano” di sempre con la maglia azzurra.

Nella partita contro la Finlandia Quagliarella ha dimostrato nei minuti finali la sua pericolosità sotto porta andando vicino al gol. Oggi ritrova la rete in azzurro dal dischetto. (PHOTO CREDITS: TELENORD)

La partita diventa poco più che un’allenamento per gli azzurri, è comunque una buona occasione per divertirsi e accrescere consapevolezza e autostima.

In finale di primo tempo Kean colpisce la traversa dopo essere stato servito ancora da uno strabordante Spinazzola. Italia che gioca sul velluto e vicinissima al poker.

Ma le emozioni non sono finite qui. Nei minuti di recupero di questa prima frazione Qualgliarella imbeccato in area serve di tacco Politano che a sua volta serve Verratti. La conclusione del giocatore pescarese viene parata da Kaufmann, rigore per l’Italia e espulsione per il difensore.

Va di nuovo Quagliarella dagli 11 metri, conclusione potente angolata. 4-0 per un Italia che non vuole smettere di divertirsi.

Termina il primo tempo. Bella prima frazione dell’Italia, che con 4 gol e una traversa ha archiviato la pratica in anticipo. Serata memorabile per Fabio Quagliarella, autore di una doppietta.

LA RIPRESA

Nel secondo tempo il copione non cambia con l’Italia che continua ad attaccare.

Al 49′ salvataggio sulla linea di Goppel, che neutralizza un pallonetto di Spinazzola e riesce a schermare Kean. Al 57′ esce Jorginho ed entra Zaniolo.

Ormai il Liechtenstein non aspetta che il fischio finale cercando di limitare i danni . Mancini continua a dare istruzioni alla squadra, è importante mantenere alta la tensione nonostante il risultato sia già in cassaforte.

Al 70′ va in gol anche Kean. Il solito Spinazzola mette un stupenda palla in area, Quagliarella fa da torre per l’attaccante della Juve che da pochi passi spinge la palla in rete di testa. Secondo gol in nazionale per il giocatore di origini ivoriane, 5-0 Italia.

Secondo gol consecutivo di Moise Kean in azzurro. L’attaccante della Juventus ripaga la fiducia di Mancini. (PHOTO CREDITS: TUTTO SPORT)

Esce al 72′ Quagliarella per Pavoletti. Standing ovation di tutto il Tardini per il capocannoniere della Serie A.

Proprio l’attaccante del Cagliari trova il primo gol in Nazionale al 76′. Il colpo di testa di “Pavoloso” imbeccato da Mancini viene respinto dal portiere e l’attaccante ex Napoli si avventa sul pallone per ribadire in rete di sinistro. 6-0 per i ragazzi di Roberto Mancini.

Altro debutto in azzurro. Dentro Izzo, al posto di Bonucci.

Non succede nient’altro, il match finisce 6-0 per l’Italia.

Pioggia di gol pe ri ragazzi di Mancini in questa seconda giornata di qualificazioni a Euro 2020: prima rete in Nazionale per Sensi e Pavoletti, vanno in gol anche Verratti e Kean. Due rigori trasformati da Quagliarella, che diventa il bomber della nazionale più anziano di sempre. Azzurri in testa al girone con due vittorie e senza aver subito reti.

Back to top button