Cinema

Kate Winslet aiuta una mamma in difficoltà: paga 20mila euro di bolletta per i macchinari che tengono in vita sua figlia

L’attrice britannica Kate Winslet ha pagato una bolletta di 17mila sterline per Carolynne Hunter. La donna, 49 anni, è madre di una bambina tenuta in vita grazie al supporto costante di macchinari.

Kate Winslet paga la bolletta a una mamma in difficoltà, il gesto dal valore inestimabile

Kate Winslet
Carolynne Hunter con sua figlia Freya

L’attrice di Titanic dopo aver sentito ad un notiziario la storia di Carolynne Hunter, ha deciso di farsi carico della bolletta energetica alle stelle. La signora Hunter è la madre di Freya, una bambina di 12 anni affetta da una grave paralisi cerebrale. Freya è muta, cieca e ha bisogno costantemente di ossigeno, la sua vita è dunque attaccata ad una macchina. Tra le altre necessità della bambina, c’è quella di almeno due infermieri, affinché monitorino la sua frequenza cardiaca e i livelli di ossigeno. Il personale esegue anche frequenti aspirazioni per mantenere le sue vie aeree libere. Questa famiglia scozzese spende circa 6.500 sterline all’anno per far funzionare il macchinario di supporto vitale, ma adesso il caro bollette complica tutto. Secondo i dati di Cornwall Insight il tetto massimo del prezzo dell’energia potrebbe aumentare circa del 73% per i consumatori medi. Facendo una stima, la prossima bolletta di Carolynne, a gennaio, ammonterà a 17mila sterline. Così la Winslet, ha accolto l’appello, donando su GoFoundMe l’intera cifra. L’attrice ha compiuto gesto dal valore inestimabile, che va al di là di quello monetario. Dopo aver effettuato la donazione, Kate ha contattato personalmente la mamma di Freya:

Il nostro viaggio come famiglia è stato molto traumatico e mi sento finita a questo punto della mia vita. Quando ho sentito dei soldi sono scoppiata in lacrime, ho pensato che non fosse nemmeno reale – ha dichiarato la donna sopraffatta dall’emozione

Ma chi penserà alle altre famiglie in difficoltà? è questa un’ulteriore preoccupazione della signora Hunter, che ha sollecitato il governo scozzese e britannico ad intervenire, prestando supporto a tutte le altre famiglie con responsabilità di cura. «Io sarò aiutata, grazie alla generosità di Kate Winslet, ma che ne sarà degli altri?A pagare doveva essere il governo, a cui chiedo di fare la cosa giusta» ha concluso la donna.

Rossella Di Gilio

Seguci su Google News

Back to top button