Esteri

La Russia colpisce il principale porto ucraino sul Danubio, Izmail: perse 40mila tonnellate di grano

La Russia ha inferto un colpo durissimo con i suoi droni che hanno bombardato il principale porto ucraino sul Danubio, Izmail, infrastruttura cruciale per le esportazioni di Kiev dopo il blocco reimposto da Mosca nel Mar Nero. 

L’importanza di Izmail

Izmail ha una storia di pescatori e commercianti e durante l’Unione sovietica veniva usata, come molti altri centri sulla foce del Danubio, come interporto per le imbarcazioni che dal Mar Nero entravano fino al cuore dell’Europa orientale.

I danni sono stati ingenti, decine di navi si sono dovute fermare prima dell’attracco, ed è scattato l’allarme in Romania, paese Nato i cui confini si trovano sulla sponda opposta del fiume. Il leader turco, principale mediatore del patto sul grano (decaduto a metà luglio), ne ha parlato al telefono con Vladimir Putin. Chiedendo al presidente russo di rientrare nell’intesa o quanto meno di non “alzare ulteriormente la tensione”.  

Non ci sono state vittime, ma le operazioni di carico sono state sospese e le navi mercantili straniere hanno gettato l’ancora alla foce del Danubio. Secondo il ministero ucraino delle infrastrutture questo raid è costato 40mila tonnellate di grano, che erano dirette in Cina, Israele e Africa. 

«Un silos di grano è stato danneggiato», ha riferito su Twitter il ministero della Difesa di Kiev, «il grano ucraino ha il potenziale per sfamare milioni di persone in tutto il mondo. Tuttavia, la Russia ha scelto la strada delle uccisioni, della fame e del terrorismo».

«Il nemico ha attaccato le strutture portuali e le infrastrutture industriali sul Danubio», ha dichiarato l’ufficio del procuratore su Telegram, aggiungendo che «a seguito degli attacchi, sono stati danneggiati o distrutti un silos, capannoni per il grano, cisterne del terminal merci, magazzini e locali amministrativi».

«Un’altra notte di guerra, un’altra notte di lavoro per la nostra eroica difesa aerea», ha scritto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, dopo gli attacchi della notte lanciati dalla Russia.

«Ci stiamo difendendo al massimo delle nostre capacità. Abbiamo abbattuto molti Shahed. Fortunatamente non ci sono state vittime. Purtroppo, ci sono danni. I più significativi sono nel sud del Paese. I terroristi russi hanno nuovamente attaccato i porti, il grano e la sicurezza alimentare globale. Il mondo deve rispondere. Quando i porti civili vengono presi di mira, quando i terroristi distruggono deliberatamente persino gli elevatori di grano, è una minaccia per tutti i continenti. La Russia deve essere fermata», ha scritto ancora Zelensky sul suo canale Telegram.

Prezzo del grano senza grandi scossoni dopo che il terminal sul Danubio è stato distrutto dai droni russi e le attività sospese.

Il grano tenero viene scambiato a 658 dollari con un rialzo dello 0,9 mentre il duro è 809 dollari con un rialzo dello 0,6%

Pulsante per tornare all'inizio