Attualità

La situazione delle scuole nelle singole regioni

La priorità? “Tornare alle lezioni in presenza fino alla prima media anche in zona rossa dopo le festività”, ha dichiarato il premier Draghi. L’intenzione è quella di avere 6 studenti su 10 nelle loro classi, ovvero 5,3 milioni di alunni. Però fino al 7 di aprile sarà ancora valida la regola generale che prevede tutti gli istituti chiusi in zona rossa mentre in arancione aperti fino alle medie. Tuttavia già da questo lunedì 29 marzo in alcune regioni, anche se rosse, le scuole sono aperte. Vediamo la situazione regione per regione.

Ecco la situazione delle singole regioni

Valle d’Aosta

Secondo l’ordinanza del presidente della Regione Erik Lavevaz, nonostante il passaggio della regione in zona rossa, le scuole dell’infanzia e primaria rimarranno aperte anche prima delle vacanze di Pasqua, da lunedì 29 a mercoledì 30 marzo.

Piemonte

Data la situazione della regione, che al momento si trova in zona rossa, la riapertura sarà prevista dopo Pasqua.

Lombardia

Restano chiuse le scuole. Si attende la riapertura dopo Pasqua.

Liguria

Secondo l’ordinanza del governatore Giovanni Toti, firmata il 19 marzo, le scuole superiori svolgono il 100% delle lezioni in Dad. Mentre lezioni in presenza per gli alunni fino alle medie.

Trentino

Nonostante la precaria situazione della regione è stato deciso di riaprire nidi, scuole dell’infanzia e scuole elementari già da lunedì 29 marzo.

Alto Adige

La Provincia di Bolzano, in zona arancione, conferma la didattica in presenza nelle elementari e medie.

Veneto

Per il rientro in aula si attende dopo Pasqua. Per 373.003 studenti si tornerà in classe, mentre per 307.093 allievi si seguirà ancora in modalità a distanza.

Friuli Venezia Giulia

Data la zona rossa in qui si torva la regione, tutti gli istituti sono chiusi. Atteso per dopo Pasqua il rientro per gli alunni fino alla prima media.

Toscana

In quanto la regione diventerà zona rossa gli studenti seguiranno le lezioni in Dad.

Emilia Romagna

La regione al momento si trova in zona rossa. Dunque sull’intero territorio regionale, le lezioni si seguiranno al 100% a distanza, almeno fino a Pasqua.

Umbria

Nonostante la regione sia arancione, è stato deciso che, dal 22 marzo al 6 aprile 2021, le attività scolastiche delle scuole secondarie di primo e secondo grado, statali e paritarie si svolgeranno solamente con modalità a distanza.

Marche

Data la zona rossa, le lezione sono al 100% in modalità a distanza.

Lazio

Dato il passaggio della regione da rossa ad arancione, da martedì 30 marzo gli studenti fino alla terza media torneranno in presenza.

Campania

Al momento la regione è in zona rossa, dunque le scuole sono chiuse. Si prevede una riapertura dopo Pasqua.

Abruzzo, Molise E Basilicata

Scuole chiuse fino a Pasqua in Abruzzo, Molise e Basilicata, nonostante le regioni siano zone arancioni. C’è però l’intenzione di riaprirle subito dopo le vacanze.

Puglia

La regione è al momento in zona rossa rafforzata fino al 6 aprile. Il presidente Michele Emiliano ha deciso di consultare i genitori sulla riapertura delle scuole. A tal proposito il governatore ha chiesto alle famiglie di valutare insieme se riaprire o meno a partire dal 7 aprile.

Calabria

Dato che la regione è diventata rossa, da lunedì 29 marzo le lezioni saranno al 100% a distanza.

Sicilia

Data la particolare situazione della regione, in quanto il territorio è in zona arancione ma alcuni comuni sono i zona rossa, la riapertura delle scuole è prevista dopo Pasqua.

Sardegna

Anche qua la riapertura delle scuole è prevista per dopo Pasqua.

Resta aggiornato su tutta l’Attualità di Metropolitan Magazine, e segui la pagina Facebook.

Margherita Bianchini

Back to top button