Lacey Evans: la lady della WWE

Nonostante le molte critiche da parte dei fan della compagnia la WWE sta puntando fortemente su Lacey Evans, arrivata nel main roster ad inizio anno. In questo special vi raccontiamo di più sull’ex marine

Lacey Evans: l’approdo della marine ad NXT

Lacey Evans
Uno dei primi match nello show giallo – Fonte: WWE.com

Lacey Evans ha alle spalle pochi anni di wrestling avendo militato nelle indies fra il 2014 e il 2016;nell’aprile 2016 Macey Estrella (vero nome dell’atleta) ha firmato con la WWE, venendo mandata al Performance Center. Il 20 ottobre la Estrella ha fatto il suo debutto sul ring, con il suo vero nome, partecipando ad una Battle Royale ad NXT vinta da Ember Moon.

Nella puntata di NXT del 3 maggio ha adottato il ringname Lacey Evans e ha partecipato ad una Battle Royale per decretare la nuova contendente per l’NXT Women’s Championship di Asuka, dove però è stata eliminata dalle Iconics. Il 16 giugno 2017, inoltre, la Evans ha partecipato al torneo Mae Young Classic dove ha eliminato al primo turno Taynara Conti; venne poi eliminata nel secondo turno da Toni Storm. Nella puntata di NXT del 17 gennaio 2018, Lacey ha cambiato gimmick divenendo la Lady of NXT.

Nella puntata di NXT del 26 dicembre, Lacey ha partecipato ad un Fatal 4-Way per determinare la number 1 contender all’NXT Women’s Championship a NXT TakeOver: Phoenix che includeva ma il match è stato vinto dalla Belair. Questo è l’ultimo match della Evans ad NXT.

Approdo nel main roster

Lacey Evans
Una delle prime apparizioni nel main roster della Lady – Fonte: WWE.com

Fa il suo debutto il alla Royal Rumble, dove entra con il numero 1; elimina Billie Kay e Peyton Royce; verrà poi eliminata da Charlotte Flair. Nelle settimane successive, Lacey si presenta negli show di RawSmackDown presentandosi sullo stage, salutando il pubblico e poi andarsene. Nella puntata di Raw dell’8 aprile, si presenta sulla rampa dello stage e colpisce la Becky Lynch (campionessa di Raw e Smackdown) colpendola con la sua finisher.

Con il Draft del 15 aprile 2019, Lacey Evans è stata assegnata a Raw; quella stessa sera ha sconfitto Natalya, diventando subito la prima sfidante al Raw Women’s Championship di Becky Lynch; il 22 aprile viene ufficializzato il match fra le due per Money in the Bank. Al pay per view Lacey viene sconfitta dalla Lynch non riuscendo a conquistare il WWE Raw Women’s Championship; più tardi, aiuta Charlotte a vincere il WWE SmackDown Women’s Championship colpendo la Lynch con il Women’s Right.

A Stomping Grounds, Lacey è stata sconfitta da Becky Lynch; la stessa sera, durante il main event, la Evans, special guest referee per lo Universal Championship fra il campione Seth Rollins e lo sfidante Baron Corbin, viene messa fuori gioco dalla stessa Lynch, la quale permette così a Rollins di aggiudicarsi la contesa. Nella puntata di Raw del 24 giugno, Lacey e Baron Corbin interrompono Lynch e Rollins iniziando una rissa; al termine di essa viene annunciato che ad Extreme Rules si terrà un Mixed Tag Team match valevole per entrambi il Raw Women’s Championship e l’Universal Championship; il match verrà vinto dalla coppia di campioni.

Lacey Evans, la Lady di Smackdown

Immagine correlata
La rivalità con le Horsewomen – Fonte: WWE.com

Nella puntata di SmackDown dell’11 ottobre, a seguito del Draft Lacey Evans è passata al roster blu. Il 31 ottobre, in occasione di Crown Jewel, Lacey è stata sconfitta da Natalya per sottomissione, nel primo incontro femminile della storia in uno show in Arabia Saudita. Il 14 novembre viene comunicato che Lacey Evans farà parte del Team SmackDown alle Survivor Series vinto poi dal team di NXT. Nella puntata di SmackDown del 29 novembre Lacey Evans ha un confronto sul ring con Bayley e Sasha Banks terminato rifilando il Woman’s Right alla Boss effettuando turn face.

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia: https://www.facebook.com/metropolitanmagazineitalia

 Pagina Facebook MMI Wrestling: https://www.facebook.com/mmiwrestling

Twitter Metropolitan Magazine Italia: https://www.twitter.com/MMagazineItalia

© RIPRODUZIONE RISERVATA