ViaggiAmo

Le mete sciistiche nuove per il 2023: ecco i nuovi impianti italiani appena inaugurati

Quali sono le mete sciistiche 2023? La stagione invernale è perfetta per per gli appassionati di sci, che vogliono dilettarsi nel loro sport preferito. Alcuni impianti italiani sono stati ristrutturati di recente, rendendo l’esperienza sciistica ancora più appassionante.

Mete sciistiche 2023, novelli impianti sciistici italiani

Mete sciistiche 2023
Credits – checkyeti.com

Alcuni impianti sciistici italiani sono stati ristrutturati di recenti e riaperti al pubblico. Tra questi vi è San Martino di Castrozza, in Trentino, dove sono stati apportate alcune novità che permettono di rende l’esperienza sugli sci ancora più gradevole. Le piste permettono infatti di godere della meravigliosa vista sulle Pale di San Martino. Tutto questo viene reso ancora più gradevole dalla nuova seggiovia Cima Tognola, con cui si può arrivare nel punto più alto e panoramico della cima.
Sempre in Trentino, Madonna di Campiglio e Pontedilegno-Tonale si sono invece soffermati sull’ampliamento degli skipass, che permettono un prezzo maggiormente dinamico per il pubblico.
Cervinia è una delle località più rinomate della Valle D’Aosta per le sue piste da sci. Grazie alla nuova seggiovia Gran Sometta, che sostituisce un vecchio ski-lift, è stato reso più fruibile il collegamento tra Valtournenche e Cervinia.

Il comprensorio sciistico Arabba/Marmolada, cuore del Dolomiti Superski è il più grande del mondo, e maggiormente apprezzato dagli sciatori esperti. In questo impianto sono infatti presenti numerose piste nere e rosse, come la Pista Savinè, caratterizzata da un tratto iniziale semplice, seguito da un muro pendente e difficile. La Pista Fodoma è uno dei tracciati più famosi del Dolomiti Superski, per il suo percorso più difficile delle Alpi. Per gli appassionati di sci freestyle è possibile soddisfare la voglia di evoluzioni e salti negli spazi dell’Arabba Snowpark. Invece il comprensorio sciistico Civetta, che comprende le località di Alleghe, Selva di Cadore e Val di Zoldo, comprende più di 72 chilometri di piste nel Veneto. Civetta offre anche una meravigliosa vista sulle Dolomiti, ed è un’ottima destinazione per chi vuole svolgere attività invernali diverse dallo sci, come escursioni e snowboard.

Sonia Faseli

Segui su Google News

Back to top button