Motori

Lilou Wadoux e il nuovo passo della Ferrari per il movimento femminile

La Ferrari continua il suo cammino verso lo sviluppo del mondo automobilistico al femminile e lo fa affidandosi ad una grande promessa. Si tratta di Lilou Wadoux, classe 2001, che prenderà parte al ‘Le Mans Grand Touring Endurance Amateur‘ del prossimo 17 Marzo. Un altro segnale forte che il mondo automobilistico al femminile sta crescendo sempre di più anche qui in Italia.

Lilou Wadoux e un nuovo passo avanti della Ferrari

Lilou Wadoux e il nuovo passo della Ferrari per il movimento femminile

Anche in Italia ci si prepara a sfondare il muro che riguarda la presenza di piloti donna nelle principali franchigie. All’estero era ben nota la storia di Jamie Chadwick, ma ora anche il ‘Bel Paese’ è pronto ad iscriversi all’albo del cambiamento. Lo farà grazie a Lilou Wadoux che il prossimo 17 Marzo guiderà una Ferrari 488 GTE per il ‘Le Mans Grand Touring Endurance Amateur’. La sua avventura nel mondo dei motori è iniziata a circa 14 anni sui Kart, ma è stato a partire dal 2022 che il suo nome è salito alla ribalta.

Lo scorso anno infatti ha partecipato al Campionato del mondo di Endurance e poi è stata selezionata per i rookie test ufficiali. Da lì in poi è stato tutto in ‘discesa’ e ora a darle una possibilità è stata la Ferrari. Un’occasione da non farsi sfuggire e per la quale la stessa pilota si è detta infatti emozionata, ma anche pronta per la sfida.

La Ferrari e l’impegno per il mondo dei motori al femminile

Così anche la Ferrari ha avuto modo di confermare e ribadire l’impegno per aiutare e far crescere il movimento dei motori al femminile. Lo fa già da qualche anno con la Ferrari Driver Accademy. Due anni fa infatti si era parlato di Maya Weug, a cui spetta il titolo di prima donna che ha potuto indossare la maglia rossa. Inoltre da tempo ormai il team italiano collabora con la FIA e alle sue iniziative. Di certo, anche l’arrivo di Lilou Wadoux è un’altra testimonianza del fatto che si stia andando nella giusta direzione.

Maria Laura Scifo

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button