Musica

Manfredi: venerdì 16 aprile esce l’atteso album d’esordio “Kintsugi”

Colonna sonora di momenti felici e tristi, Manfredi nell’album d’esordio “Kintsugi” ha condiviso con l’ascoltatore le storie quotidiane di un ragazzo di vent’anni che si confronta con la vita, con i primi amori, con tutto quello che significa crescere. Dopo Hollywood”, “Doveva essere oggi” e “Milano Droga”, brani che lo hanno anticipato, “Kintsugi” raccoglie dieci tracce in cui il cantautore si mette a nudo, con tutte le sue crepe e fragilità.

Il titolo dell’album, in uscita venerdì 16 aprile, si riferisce a una pratica giapponese utilizzata per riparare gli oggetti rotti tramite l’oro. “Il risultato sono delle ceramiche meravigliose, in grado di raccontare una storia” dice Manfredi, che prosegue: Ciò che apprezzo del Kintsugi è che non cerca di nascondere le cicatrici, anzi, le mette in risalto impreziosendole con l’oro. Come le crepe dorate rendono unica una ceramica, io credo che le ferite rendano uniche le persone. Lasciarsi conoscere da qualcuno significa condividerne i momenti tristi, perché i momenti felici si condividono con tutti. Con questo primo disco mi lascio conoscere, racconto due anni della mia vita in dieci tracce, senza inventare nulla. Anche per me è arrivato il momento di mettere insieme i pezzi..

La cover di "Kintsugi", l'album di esordio di Manfredi
La cover di “Kintsugi”, l’album di esordio di Manfredi.

Segui Metropolitan Magazine ovunque! Ci trovi su FacebookInstagram e Twitter!

Crediti fotografici: Federico Cataleta, ufficio stampa

CHIARA COZZI

Back to top button