Manovra 2021 è legge: ecco le novità

Nonostante non siano mancati momenti di tensione in Aula al Senato, la manovra 2021 è legge. La Legge di Bilancio verrà ricordata per i bonus che comprende.

La manovra 2021 è legge

La manovra 2021 è diventata legge, nonostante non siano mancati momenti di tensione in Aula al Senato.

Infatti l’ex premier e leader di Italia Viva, Matteo Renzi, non sembra aver apprezzato il lavoro fatto sulla manovra. Ha quindi ammesso di aver votato a favore solo per «lealtà istituzionale».

I numeri dicono che i alla fiducia posta dal governo sono stati 156 e 153 quelli sul provvedimento

La famiglia

L’assegno unico è una delle misure distintive della manovra.

Infatti verranno stanziati 3 miliardi (che saliranno a circa 6 a regime) per l’introduzione, a partire da luglio, dell’assegno universale che andrà anche ad autonomi e incapienti e sostituirà gli altri aiuti per i figli a carico, fino ai 21 anni. 

Per quanto riguarda la famiglia, la manovra prevede la conferma del bonus bebé per il 2021, il congedo per i papà che sale a 10 giorni, i finanziamenti per aumentare i posti negli asili nido e una serie di misure per il lavoro delle neomamme e delle donne in generale. 

Più fondi anche contro le discriminazioni di genere e le violenze, per careliver e caregiver.

Aiuti poi per la casa, con più fondi per incentivare chi abbassa l’affitto (fino al 50% della riduzione del canone, massimo 1200 euro) e cento milioni in più anche per il fondo morosi incolpevoli. Altri 40 milioni per i buoni spesa per le famiglie in difficoltà.

Gli “autonomi”

L’altra rivoluzione è quella in arrivo per gli autonomi.

Inizialmente con 1 miliardo, che sarà potenziato con un ulteriore miliardo e mezzo, scatterà l’esonero (parziale) dai contributi per il 2020 per le piccole partite Iva fino a 50mila euro con perdite di almeno un terzo nell’anno nero del Covid

In più arriva Iscro, la nuova ‘cig’ per gli automi, una indennità di sei mesi fino a 800 euro.

I licenziamenti

Con la manovra, i licenziamenti sono bloccati fino a fine marzo. Si cerca, quindi, di stendere uno scudo per evitare una emorragia di posti di lavoro.

Oltre al rifinanziamento per 5 miliardi di altre 12 settimane di Cig Covid, gli sgravi al 100% per le assunzioni di under 35 per 3 anni (4 al Sud) e per le donne, lo sconto del 30% dei contributi per i dipendenti nel Mezzogiorno, vengono prorogati ed estesi alle imprese dai 250 dipendenti i contratti di espansione, torna l’assegno di ricollocazione per chi è Naspi e nasce Gol, un nuovo programma per il Reddito di cittadinanza (per il quale ci sono risorse aggiuntive) e disoccupati in Naspi.

La sanità

Con la manovra 2021 viene elargito un miliardo in più per il Servizio sanitario e altri 650 milioni per assumere 3mila medici e 12mila infermieri per somministrare i vaccini; 400 milioni per acquistarli, 70 milioni per i tamponi da medici di base e pediatri. 

Ci sono poi 850 milioni per le indennità di medici e infermieri, 100 per le professioni sanitarie

Siringhe, tamponi e vaccini saranno senza iva, 5 milioni serviranno ad arginare la carenza di bombole di ossigeno

Raddoppiano i fondi per la cannabis terapeutica e arriva un contributo per le coppie che si sottopongono alla Pma.

Aiuti al turismo 

Per sostenere il turismo arriva un nuovo pacchetto da mezzo miliardo tra stop alla prima rata Imu per alberghi, stabilimenti e discoteche, proroga del credito d’imposta sugli affitti e tax credit per agenzie di viaggio e tour operator

Agli aeroporti vanno 500 milioni, scende al 10% l’Iva su asporto/delivery e si guarda anche alle filiere indirettamente colpite dalle chiusure, dai vini di qualità ai suini.

Tutti i bonus

Conferma anche nel 2022 del Superbonus al 110%, esteso a tetti e ascensori, ai nuovi ecoincentivi auto e un bonus fino al 40euro della spesa per i redditi bassi che comprano auto elettriche

Il bonus mobili si applica a spese fino a 16mila euro

Ci sono poi il bonus occhiali (50 euro con Isee entro i 10mila euro), quello da 1000 euro per i filtri dell’acqua ma anche altrettanti per chi cambia rubinetti e wc in chiave anti-spreco

Arriva il cellulare o il tablet “di Stato”, per consentire la connessione delle fasce più deboli

C’è infine un bonus revisione auto, che coprirà solo 1 volta nei prossimi tre anni l’aumento da gennaio di 10 euro.

Garanzie e incentivi aggregazioni imprese

Per evitare strette sul credito sono state prorogate le garanzie e anche la moratoria sui mutui.

Infine è stato rafforzato ed esteso Transizione 4.0 e incentivata l’aggregazione (norma di cui si potrebbe avvalere anche Mps).

© RIPRODUZIONE RISERVATA