Marc Chagall nasce il 7 luglio 1887. I suoi lavori sono sintesi di elementi del cubismo e del fauvismo, ma Chagal elaborerà un suo inconfondibile stile.

Marc Chagall

Chagall nasce a Vitebsk, oggi Bielorussia. Il pittore d’origine ebraica inizia l’attività in Russia, ma è durante il suo primo soggiorno a Parigi che la sua arte evolverà nella ricerca e nella sperimentazione. In particolare rimarrà colpito dalle ricerche sul colore dei Fauves. Naturalizzato francese morirà ultranovantenne nel 1985.

the-birthday-1915-chagall
The birthday 1915 Chagall photo da web

Chagall sposerà poi Bella nel 1915. Per lei realizzerà gli amanti volanti di Birthday e il giocoso Double Portrait With a Glass of Wine, che sono testamenti della gioia dello spirito dell’artista durante i primi anni del suo matrimonio.

Tra cubismo e fauvismo

Diversi grandi stili artistici risuonano nei suoi lavori, lavori che sono sintesi di elementi del cubismo, del simbolismo e del fauvismo. Ma Chagal elaborerà uno stile fuori dal comune. Il suo mondo poetico trova il suo motore nella fantasia infantile oltre nella potenza delle fiabe russe. La semplicità delle forme lo collega al primitivismo. Con il passare del tempo il colore, nei quadri di Chagall si andrà espandendo sulla tela, superando i confini dei corpi. Le figure si espandono in macchie o fasce di colore esprimendo la loro forza al di la delle forme del corpo.

E’ difficile e spesso fuorviante associare didascalie. Associare i lavori e lo stile di Marc Chagall ad una corrente artistica è oltremodo complesso. Diversi grandi stili artistici risuonano nei suoi lavori, lavori che sono sintesi di elementi del cubismo, del simbolismo e del fauvismo. Questo perchè Chagal elaborerà uno stile fuori dal comune, del tutto personale.

marc-chagall-paris-through-the-window da web
Chagall Paris-through-the-window photo da web

Potremmo parlare di cubismo o di fauvismo onirico. Di espressionismo per la potenza dei colori o di primitivismo. Ma in realtà il suo lavoro si basa su ispirazione emotiva piuttosto che sulle fondamentali tradizioni pittoriche. Era anche spesso in contrasto con Picasso e le geometriche regole del cubismo. Lui si riteneva semplicemente l’artista della gioia e della leggerezza espressa con il volo. La sua arte vince la forza di gravità e va oltre i limiti fisici dei corpi.

La poetica di Chagal

La dimensione onirica dei suoi lavori propone un mondo sovrannaturale, da cui trapela amore e gioia. E’ il punto di vista dell’infanzia, dei ricordi e delle emozioni. Un mondo senza gravità che consente alle creature di muoversi nei cieli. Il volo e la leggerezza lasciano trasparire una dimensione di gioia. E’ l’amore tra l’uomo e la donna che permette la leggerezza della felicità. E’ Bella, la moglie di Chagal, ad ispirare questo volo. Chagal dirà:

L’arte mi sembra essere soprattutto uno stato d’animo.

Nel 1960 Chagall iniziò a lavorare alle vetrate per la sinagoga dell’ Hadassah Medical Center dell’Università Ebraica di Gerusalemme. Il progetto divenne un cammino spirituale per Chagall. Il cammino spirituale prosegui in quanto in seguito realizzò molti progetti in vetro colorato per diverse chiese. Per la cattedrale Fraumünster di Zurigo nel 1967, per la Chiesa di Santo Stefano a Mainz, in Germania nel 1978 e per la Chiesa di Ognissanti nel Regno Unito nel 1978.

Chagall nella sua lunga vita ha realizzato opere con diversissimi mezzi artistici, macchine scenografiche, disegni di abiti per balletti e vetrate. Longevo e prolifico, è uno degli artisti più significativi e amati del XX secolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA