Cronaca

Roma, scarcerato Massimo Carminati dopo quasi sei anni di detenzione

Massimo Carminati lascerà oggi il carcere di Oristano per essere rimesso in libertà dopo 5 anni e 7 mesi di reclusione. Accolta l’istanza presentata dai suoi avvocati presso il Tribunale della Libertà. La decisione arriva a pochi giorni dalla pubblicazione della Cassazione delle motivazioni della sentenza sul cosiddetto “Mondo di mezzo”.

La scarcerazione di Massimo Carminati


Siamo soddisfatti che la questione tecnica che avevamo posto alla Corte d’Appello e che tutela un principio di civiltà sia stata correttamente valutata dal Tribunale della libertà”, fanno sapere gli avvocati Cesare Placanica e Francesco Tagliaferri. Il loro assistito Massimo Carminati è stato scarcerato grazie ad un istanza presentata per scadenza dei termini di custodia cautelare. Gli avvocati dell’ex Nar, dopo ripetuti rigetti della Corte D’Appello, hanno fatto istanza al Tribunale della Libertà. È stato utilizzato il metodo della contestazione a catena ed alla fine sono riusciti ad ottenere la libertà per il loro assistito.

Torna Libero Massimo Carminati grazie ad una decisione del Tribunale delle Libertà
Massimo Carminati, fonte youtube.com

L’ex Nar e Mafia Capitale


Massimo Carminati era finito sotto accusa per associazione mafiosa. Era stato indicato insieme a Salvatore Buzzi come uno dei vertici del sistema criminale romano denominato Mafia Capitale. In particolare il suo nome era finito nell’inchiesta del cosiddetto “Mondo di mezzo” che si muoveva tra politica ed imprenditoria. Lo scorso ottobre però una sentenza della Cassazione aveva ribaltato le accuse definendo quella di Carminati una semplice associazione a delinquere. Per tanto alla luce della declassazione del reato veniva richiesto un ricalcolo delle pena. Oggi la decisione del Tribunale della Libertà che ha liberato Carminati dopo solo 5 anni e 7 mesi di reclusione. Questo a pochi giorni dalla pubblicazione della sentenza della Corte di Cassazione in cui si legge che “non sono stati infatti evidenziati l’utilizzo del metodo mafioso, l’esistenza del conseguente assoggettamento omertoso ed è stato escluso che l’associazione possedesse una propria e autonoma ‘fama’ criminale mafiosa”.

Adv
Adv

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Back to top button