Games

MeepleLand, il Luna Park da tavolo: la recensione

Meepleland – I componenti di qualche generazione fa sicuramente ricorderanno il videogioco “Theme Park”, creato per far immedesimare i giocatori nella figura di progettista e dirigente di un parco divertimenti.
Meepleland della Blue Orange Games vuole riportare in auge proprio questa sensazione, con attrazioni stampate e visitatori di legno.

Questo titolo di Cyrille Allard e Frederic Guérard, illustrato da Tomek Larek, è per 2-4 giocatori con una durata di circa 60 minuti a partita.

meepleland
Parco al completo – PHC: Emanuele Iuliano

MeepleLand – Ambientazione & Ispirazione

Partendo da un vasto e verde terreno, avremo l’obiettivo di riempirlo di attrazioni e servizi degni del più allettante parco divertimenti che possa esistere.
Le giostre e i vari chioschi si presenteranno sotto forma di tessere in diverse dimensioni, da riporre sulla plancia-griglia a disposizione di ogni giocatore. Ognuno di questi avrà un costo in monete, le quali verranno guadagnate in base al numero ed alla soddisfazione dei visitatori presenti nel proprio parco.

Ma questi che giungeranno a fiotti su dei pullman, avranno delle richieste specifiche che, se soddisfatte, porteranno ad un aumento degli introiti.
Lo scopo di ogni imprenditore giocatore è quello di puntare ai clienti più remunerativi e a variare il più possibile la tipologia di attrazioni offerte.

Ruote panoramiche e scivoli – Contenuto: Con cosa giochiamo

La scatola super colorata di MeepleLand appare abbastanza grande per il contenuto che in realtà possiede. In copertina troviamo uno degli autisti, sorridente, intento ad invitarci all’ingresso del parco.
Ecco l’unboxing e la lista delle componenti:

-4 Plance individuali Spazi
-1 Plancia Parcheggio
-4 Tessere ampliamento degli Spazi
-4 Tessere ingressi supplementari
-101 Tessere attrazioni e servizi
-17 Carte Bus
-124 Visitatori in 4 colori diversi
-1 Gettone primo giocatore
-1 Indicatore di round
-52 Monete in cartoncino
-4 Ingressi in plastica
-1 Blocchetto segnapunti

I materiali sono molto semplici e basici. Nessun appunto particolare. Carini i mini meeple dei visitatori in legno e, forse, troppo sottili e minimali le plance terreno dei giocatori.

MeepleLand – Come si gioca

Una partita a MeepleLand dura 4 round. Durante ognuno di questi, i giocatori avranno l’obiettivo di disporre al meglio le tessere scelte senza creare ingorghi e cercando di variare il più possibile, al fine di ottenere molti PV a fine partita.
Infatti, come riassunto sul blocchetto segnapunti, più sono diverse le attrazioni ed i servizi, maggiori saranno i punti accumulati.

meepleland
Mercato Centrale – PHC: Emanuele Iuliano

Inoltre i punti verranno dati anche in base ai clienti presenti all’interno del parco fino a fine partita, mentre ne verranno sottratti altri a causa di quelli insoddisfatti ed in attesa di entrare all’ingresso del parco.
Anche le strade bloccate causeranno la perdita di alcuni PV.

Svolgimento

All’inizio di ogni round vi è una rendita indicata sul tracciato omonimo.
Durante il proprio turno sarà possibile compiere una di queste scelte: comprare un’attrazione, una pubblicità o passare.
Riguardo la prima opzione, bisognerà scegliere UNA soltanto tra le tessere a disposizione nel mercato centrale. Queste vengono suddivise in 3 file in base alla loro dimensione, ovvero ai quadratini che occuperanno sulla griglia di gioco.
Quelle più piccole rappresentano i servizi come toilette o souvenirs; quelle medie attrazioni per lo più interattive come il tiro a segno; quelle più grandi raffigurano le giostre più divertenti ed impegnative.

Ogni piazzamento dovrà rispettare delle regole. Innanzitutto almeno una delle strade presenti sulla tessera dovrà essere connessa ad una già presente, partendo dall’ingresso principale. Se si rimarrà bloccati, sarà necessario acquistare uno degli altri ingressi a disposizione.

Inoltre, ovviamente, non si dovrà fuoriuscire dalla propria griglia terreno.
Ogni servizio potrà rifornire soltanto le attrazioni strettamente connesse. Tenete conto, oltretutto, che le tessere non potranno essere più mosse durante la partita per alcun motivo.

Per acquistare una pubblicità, basterà semplicemente pagare e prelevare la tessera in cima alla pila di quelle più piccole, che sul retro mostrano l’immagine di alcuni meeple visitatori che verranno immediatamente a farvi visita.
Invece, una volta passata la mano, non si compirà più alcuna azione ma si prenderà una delle carte Bus a disposizione con i relativi passeggeri.
Questi diventeranno vostri clienti nella fase successiva di accoglienza. Essi andranno posti sulle attrazioni che riportano il requisito dello stesso colore degli omini. In seguito, gli stessi, vi forniranno anche l’incasso del round.

meepleland
Bus in arrivo – PHC: Emanuele Iuliano

Come già detto, dopo 4 di questi round, la partita termina e si passa al conteggio dei punti.
Ogni attrazione diversa aumenterà il vostro punteggio finale. In aggiunta, i visitatori vi doneranno 1 o 2 PV ciascuno, in base al loro colore.
Se nel vostro parco sono presenti strade bloccate, che non portano a nulla, bisognerà sottrarre 2 PV per ognuna di esse. Infine, i non-clienti annoiati ed in attesa del loro ingresso, fuori dal parco, danneggeranno la vostra reputazione eliminandovi altri PV sempre in base al loro colore.

MeepleLand – Titoli di coda

Un piazzamento tessere con set collection molto semplice, forse troppo per alcuni.
Per la durata che richiede non sembra offrire tantissima richiesta di impegno strategico. Il tutto sta nel calcolare bene il posizionamento e l’attesa delle tessere giuste.
Anche una buona selezione dei visitatori conta molto ai fini della vittoria.

Le componenti si presentano in maniera un po’ approssimativa, forse, anche se soddisfano abbastanza la vista con i loro colori sgargianti. C’è molto verde, davvero.
MeepleLand è un gioco, a mio parere, che vuole provare ad offrire una tematica divertente e coinvolgente con delle meccaniche semplici ed alla portata di tutti.
Ci vedrei bene, se non addirittura necessarie, delle espansioni che aggiungono un bel po’ di verve.
In ogni caso, è un gioco davvero carino ed adatto a chi non ha troppe pretese sul genere.

Credi sia il caso di fare un giro sul galeone dopo un bel cheeseburger?

Have a good game!

Seguici su:


Adv
Adv

Emanuele Iuliano

Napoletano all'anagrafe ma viaggiatore di innumerevoli mondi grazie alla sua fantasia. I boardgames si annoverano fra le sue più grandi passioni, insieme a quella per la scrittura. Dall'unione di queste, nasce la voglia di entrare a far parte del team di Metropolitan Magazine Italia, in particolare tra i folli Unicorni di InfoNerd.
Adv
Back to top button