Basket

Miami Heat: sorpresa della Eastern Conference?

Anche i Miami Heat si accingono ad affrontare la ripresa della stagione NBA nella bolla di Orlando. Sono stati tra i team che più hanno sorpreso durante la regular season (occupano al momento il quarto posto nella Eastern Confernce). Si candidano ad essere una delle principali mine vaganti ad Est e potrebbero infastidire non poco le altre squadre che puntano al titolo.

Situazione attuale del roster

Le principali stelle del roster della stagione NBA 2019-2020 dei Miami Heat: Jimmy Butler (#22), Goran Dragic (#7) e Bam Adebayo (#13) discutono durante una partita di regular season
Le principali stelle del roster della stagione NBA 2019-2020 dei Miami Heat: Jimmy Butler (#22), Goran Dragic (#7) e Bam Adebayo (#13) discutono durante una partita di regular season (Photocredits: Getty Images)

Tante sono state le defezioni prima di partire per Orlando in casa Heat. Difatti poco prima della partenza sono stati individuati 3 elementi del roster positivi al Covid-19. Si pensa che tra i giocatori ad aver contratto il virus ci siano anche Bam Adebayo e Kendrick Nunn che hanno raggiunto la bolla solo 3 giorni fa, a differenza del resto del team. Terminate le 48 ore di quarantena obbligatoria si sono finalmente aggregati al resto del team guidato da coach Spoelstra. Con il loro ritorno a roster Miami si candida ad essere una delle più serie contender nella Eastern Conference.

Quante le reali possibilità di titolo dei Miami Heat?

Il #22 dei Miami Heat Jimmy Butler a gioco fermo durante una gara di regular season NBA 2019-2020
Il #22 dei Miami Heat Jimmy Butler a gioco fermo durante una gara di regular season NBA 2019-2020 (Photocredits: Getty Images)

Molte delle chance di titolo per i Miami Heat passano certamente dal rendimento e dalle prestazioni di Jimmy Butler. È probabilmente l’unica vera superstar che attualmente fa parte del roster del team della Florida. Tanti comunque gli ottimi gregari e i giovani talenti a disposizione di coach Spoelstra. Fondamentale sarà innanzitutto l’apporto dei due “vecchietti terribili”: Goran Dragic e Andre Iguodala, pronti a dare tutto per la conquista del titolo. A dover salire ancor più di colpi in termini di prestazioni e maturità sul parquet dovranno però essere i giovanissimi Bam Adebayo, Tyler Herro e Kendrick Nunn. Dovessero riuscire anche loro ad alzare ancor più l’asticella gli Heat potrebbero davvero risultare una delle squadre più ostiche da affrontare per tutti nei playoff. Riuscirà quindi Miami a fare di meglio rispetto a quanto già fatto di buono finora? Lo scopriremo con la ripresa del campionato NBA dal 31 luglio in poi.

Per ulteriori aggiornamenti sul mondo del basket, clicca qui
Seguici sulla nostra pagina Facebook
Per tutte le news iscriviti a Metropolitan Magazine

Back to top button