Cultura

MMI Today | Nasce il mito di Rodolfo Valentino

Il 6 maggio è una data che raccoglie eventi storici e artisti che in qualche modo hanno segnato la Storia del mondo: dall’architettura alla storia, fino alla nascita di due figure dominanti come Freud e Rodolfo Valentino; piccoli segnalibri di una storia che ci ha insegnato tanto…

Se partiamo da molto lontano, il 6 maggio diventa una data storica che si potrebbe ricordare come un grande spartiacque: il 6 maggio 1527 i Lanzichenecchi, le truppe tedesche al servizio di Carlo V d’Asburgo saccheggiano Roma. La brutalità dell’evento segnò un momento di passaggio per il predominio in Europa tra il Sacro Romano Impero e il Regno di Francia , ma soprattutto si identifica questa data come la fine del Rinascimento.

E sempre in Francia, ma più di cento anni dopo il 6 maggio 1682 è ancora una volta protagonista di una vicenda storica importante: è il giorno in cui Luigi XIV di Francia, anche detto Re Sole, sposta la sua corte a Versailles.
La reggia aveva un valore metaforico, doveva diventare il simbolo dello splendore e della potenza della monarchia: un luogo fisico in grado di darle ulteriore prestigio.

Versailles (dal Web)

Sembrerebbe che La Francia sia davvero il fulcro di questa ricorrenza, dato che anche il 6 maggio ma del 1889 Parigi è la protagonista di un evento che cambierà per sempre l’immagine della città: durante l’Esposizione Universale di Parigi viene ufficialmente aperta al pubblico la Torre Eiffel. Da allora il monumento è il simbolo della Capitale, nel pieno centro di Parigi la Torre si trova in uno dei punti nevralgici della viabilità cittadini ed è riconosciuto in tutto il mondo come punto di riferimento per il paese francese.

Torre Eiffel (dal Web)

Se ci spostiamo, invece, negli anni Novanta questa volta il 6 maggio è uno dei giorni determinanti per la Letteratura; nel 1940 il romanzo Furore di John Steinbeck vince il Premio Pulitzer. Il premio Pulitzer è uno dei più importanti riconoscimenti statunitensi, considerato come la più prestigiosa onorificenza nazionale per il giornalismo, successi letterari e composizioni musicali. Il 6 maggio di quell’anno lo ricevette proprio Steinbeck, lo scrittore e giornalista statunitense tra i più noti del XX secolo, con il romanzo Furore che rappresenta la narrazione più icastica della grande Depressione ed è tutt’oggi un’opera che rievoca una condizione umana e sociale di sempre maggiore attualità.

Attuale come una piccola rivoluzione che il 6 maggio del 1967 colpisce la Chiesa: Papa Paolo VI riceve in Vaticano Claudia Cardinale e Antonella Lualdi e per la prima volta due donne entrano nella sede in minigonna. E’ un evento che segnò una rottura con un moralismo decadente che ancora oggi lascia i suoi strascichi. Eppure, a piccoli passi, già nel Novecento si tentava di sciogliere i tabù che affliggevano la società e l’ambiente religioso. N

Nati oggi

Sigmund Freud nasce il 6 maggio 1856 a Freiberg: è il fondatore della psicoanalisi che ha cambiato l’approccio della psicologia fino ai giorni nostri

Freud (dal Web)

Rodolfo Valentino, o Rudolph Valentino, o per molti anche soltanto Rudy, pseudonimo di Rodolfo Pietro Filiberto Raffaello Guglielmi nasce il 6 maggio 1895 a Castellaneta: è tra i più grandi attori e ballrini italiani naturalizzato statunitense che ha segnato il cinema muto; alcuni lo ricordano per essere il famoso “Latin Lover”, il sex symbol di un’epoca ma di cui il fascino si ricorda ancora ora.

Rodolfo Valentino (dal Web)

Rossella Papa

Back to top button