MMI Today | Tra scoperte e invenzioni

Il 19 settembre ricorrono diverse scoperte e altrettante invenzioni, dalla prima mongolfiera alla Mummia del Similaun, Dall’Ultimo Teorema di Fermat all’asteroide Massalia.

Oggi è un giorno fortunato per scienziati, matematici ed inventori. E’ infatti l’anniversario di diverse scoperte e innovazioni tecniche, spesso dimenticate.

Ad esempio è il 19 settembre del 1783 quando nei giardini di Versailles, il re di Francia Luigi XVI assiste ad un prodigio: il volo di un pallone aerostatico. Si tratta della prima volta in cui i fratelli Joseph-Michel e Jacques-Etiennes Montgolfier esibiscono il loro prototipo. Si tratta del primo rudimentale mezzo di trasporto aereo, che riaccende nell’uomo il desiderio di volare. Il pallone aerostatico verrà chiamato poi mongolfiera in onore dei sui creatori e rimarrà l’unico mezzo per esplorare il cielo fino al 1850, con l’introduzione degli Zeppelin.

Nel 1852 invece troviamo un’altra delle scoperte che ricorrono oggi. In questa data infatti, l’astronomo Annibale De Gasparis individua un nuovo corpo celeste dall’Osservatorio di Capodimonte. Si tratta dell’asteroide Massalia, il membro più grande di una famiglia di asteroidi della Fascia Principale.

Può sembrare un piccolo tassello nella storia delle osservazioni stellari, ma all’epoca scoperte del genere non erano affatto frequenti. Questa in particolare poi, fu anche contesa. A battezzare l’asteroide, infatti, non fu il suo scopritore, ma l’astronomo Jacques Cacornac, che annunciò per primo la scoperta. Solo in seguito si scoprì che De Gasparis era stato il primo ad osservarlo.

Rimanendo in ambito di scoperte, il 19 settembre 1991 i coniugi tedeschi Erika e Helmut Simon si avventurano in un’escursione e, tra i ghiacciai del Similaun, sulle Alpi, trovano un’antica mummia.

La mummia di Similaun, una delle scoperte legate al 19 settembre
La mummia di Similaun – WikiMedia Commons

Si tratta di un uomo, vissuto durante la preistoria, il cui corpo si è conservato nei ghiacci per migliaia di anni. Si tratta dell’unico uomo preistorico di cui conosciamo il gruppo sanguigno ed altre caratteristiche che aiutano a ricostruirne la vita.

Tre anni più tardi, il matematico britannico Andrew Wiles, dimostra finalmente l’ultimo teorema di Fermat, che enuncia che l’equazione di seguito:

a^{n}+b^{n}=c^{n}
n>2

se  n>2

non ha soluzioni intere e positive. Il mondo della matematica si arrovellava su questa congettura fin dal 1637.

A spasso nella storia

Ma il 19 settembre non è solo un giorno di scoperte e invenzioni. Viaggiando indietro nel tempo fino al 1187 troviamo il condottiero Salah ad-Din, detto il Saladino intento nell’Assedio di Gerusalemme. La città tornerà in mano araba, ma il generale curdo garantirà comunque il diritto dei cristiani a recarsi in pellegrinaggio.

Facendo un salto di quasi sette secoli, il 19 settembre 1868 in Spagna comincia “La Gloriosa“, un moto rivoluzionario che depone la regina Isabella II e dà inizio ad un nuovo periodo repubblicano per la penisola iberica.

Due anni più tardi le forze del Regno d’Italia completano l’accerchiamento Roma, pronte a sfondare le mura presso Porta Pia.

Uno scatto in bianco e nero mostra la Breccia di Porta Pia
La Breccia di Porta Pia – WikiMedia Commons

Passando a pagine più cupe della storia, il 19 settembre 1939 i nazisti conquistano Vilnius, grazie alla neutralità sovietica garantita dal patto Ribentrop-Molotov.

Ironicamente è nello stesso giorno che due anni più tardi i tedeschi si impadroniscono della città sovietica di Kiev durante l’Operazione Barbarossa.

Sempre durante la Seconda Guerra Mondiale, il 18 settembre del 1943 i nazisti massacrano la popolazione di Boves, nel primo eccidio contro i civili italiani.

La causa scatenante è uno scontro con i partigiani locali, che prendono in ostaggio due soldati tedeschi. Le SS minacciano di distruggere l’intero paese d’origine dei partigiani se non restituiranno gli ostaggi, così i due vengono, rilasciati anche grazie ad un’ambasceria organizzata dal prete del paese, Don Giuseppe Bernardi. Nonostante questo i nazisti decidono di procedere comunque con l’eccidio, uccidendo venticinque persone, incluso Don Bernardi.

Pagine musicali

Passando dagli orrori della guerra alle bellezze della musica, è il 19 settembre 1981 quando Simon & Garfunkel si esibiscono a Central Park. Da questa esibizione nasce il loro più celebre disco live.

Pino Daniele durante un'esibizione
Pino Daniele durante un’esibizione nel 2010

Nello stesso giorno a Napoli duecentomila persone ascoltano Pino Daniele, accompagnato da Tullio De PiscopoJoe AmorusoRino ZurzoloTony EspositoJames Senese.

Compleanni e ricordi

Oggi facciamo gli auguri di buon compleanno a Jeremy Irons, attore britannico pluripremiato e dalla lunga carriera cinematografica. Spegne insieme a lui le candeline anche la modella Victoria Silvstedt.

Avrebbe compiuto oggi settantotto anni l’attrice di cinema, tv e teatro Mariangela Melato, che ci ha lasciato nel 2011.

Ne avrebbe invece sessanta oggi il giornalista Giancarlo Siani, ucciso a ventisei anni dalla Camorra perché il suo desiderio di verità minacciava le cosche.

Infine ricordiamo il grande scrittore Italo Calvino, che si spegneva il 19 settembre del 1985.

© RIPRODUZIONE RISERVATA