Cultura

MMIToday 22 marzo: da Gutenberg a Indro Montanelli

22 marzo: un giorno che, in qualche modo, ha cambiato l’andamento della nostra storia. La stampa, la politica, la musica: scopriamo cosa ricordare di questa giornata.

Tutto quello con cui comunichiamo oggi non sarebbe stato lo stesso senza la nascita della stampa. Ecco il primo avvenimento che cambia la nostra storia: risale al 22 marzo 1467 e Johannes Gutenberg porta a termine la stampa del primo libro, la Bibbia.

La lavorazione era iniziata nel 1453 nell’officina di Gutenberg e aveva l’intento di riprodurre il testo della Vulgata, la bibbia latina tradotta da san Gerolamo nel V secolo. Ricordiamo che la Bibbia di Gutenberg è il primo libro stampato in Europa con la tecnica dei caratteri mobili.

Bibbia (dal Web)

Con un salto temporale di più di quattrocento anni il 22 marzo lo ricordiamo per qualcosa che cambiò la condizione della donna e che segnò l’inizio di un’emancipazione che non è mai terminata. Siamo in America, 22 marzo 1872: l‘Illinois è il primo stato americano ad applicare il diritto di uguaglianza sul lavoro fra uomini e donne.

Fu un giorno che cambiò anche la storia del cinema, quando il 22 marzo 1895 i Fratelli Lumière ci regalano la prima proiezione privata di un film. Sono stati proprio i fratelli Auguste Marie Louis Nicholas e Louis Jean Lumière ad inventare il proiettore cinematografico e i primi cineasti della storia.
E’ questo il momento in cui nasce il cinema vero, il genio dei fratelli
Lumière ha rivoluzionato le tecniche di produzione e l’idea stessa del cinema.

I Fratelli Lumiere (dal Web)

Ma nella storia questo giorno segna anche l’inizio di un periodo storico che ha conosciuto il terrore più grande della storia. Era il 22 marzo 1933 e a Dachau veniva aperto il primo campo di concentramento nazista.

Su iniziativa di Heinrich Himmler il campo di Dachau fu il primo ad essere costruito e fu, infatti, modello per tutti i campi di concentramento che ne seguirono.

Il Novecento raccoglie in questo giorno due episodi culturali che diventarono punti di riferimento per la sfera musicale e il mondo della stampa. Da una parte: il 22 marzo 1963 viene pubblicato in Gran Bretagna il primo album dei Beatles, Please Please me.
Please Please Me è il primo album del gruppo musicale britannico pubblicato dalla Parlophone, grazie al lavoro del produttore George Martin. Sappiamo benissimo quanto i Beatles furono un vero fenomeno di comunicazione, arrivando a vendere 600 milioni di copie tra tutti i singoli e gli album.

Please Please me, The Beatles (dal web)

Dall’altra parte: il 22 marzo 1994 esce il primo numero del quotidiano La Voce, diretto da Indro Montanelli. In poche ore furono vendute 450.000 copie. Un nome che non è nuovo per i grandi appassionati della Letteratura, La voce infatti è espressamente ispirata al nome della rivista fondata da Giuseppe Prezzolini nel 1908.

La Voce di Montanelli ebbe breve vita, durò fino al 1995 ma fu una nuova sfida per il grande direttore che decise di fondare la rivista dopo aver abbandonato la direzione de Il Giornale l’11 gennaio 1994 a causa di ingerenze da parte di Silvio Berlusconi. All’età di ottantacinque anni, così, Montanelli rivendica con La Voce l’idea di indipendenza e libertà nel giornalismo italiano.
C

Indro Montanelli (dal Web)



Buon compleanno a…

22 marzo: chi è nato oggi?

I due festeggiati di oggi sono Goran Bregović e Nino Manfredi.

Bregović il musicista e compositore bosniaco è nato il 22 marzo 1950 a Sarajevo. Nino Manfredi è nato il 22 marzo 1921 ed è scomparso a Roma il 4 giugno 2004, e ancora lo ricordiamo come uno dei più grandi attori e cantanti italiani del novecento.

Ricordando..

All’età di 82 anni il 22 marzo 1832 muore Johann Wolfgang Goethe,
«…uno dei più grandi letterati tedeschi e l’ultimo uomo universale a camminare sulla terra» come amava definirlo la scrittrice George Eliot.

E con questo aforisma dello scrittore tedesco vi auguriamo buona giornata, ricordandovi l’appuntamento di domani con la MMIToday, la rubrica che vi tiene aggiornati sul presente e sul passato.

“Qualunque cosa sogni d’intraprendere, cominciala.

L’audacia ha del genio, del potere, della magia”.


Rossella Papa

Back to top button