Tragedia in una scuola di Ostia: morto un bambino di 11 anni

Terribile epilogo che ha visto morto un bambino di 11 anni in una scuola di Ostia

Triste evento in una scuola dove è morto un bambino di 11 anni per un malore improvviso. Il personale medico prontamente ha soccorso il piccolo studente della prima media. Presso una scuola del lido di Levante intorno alle ore 12:30 il piccolo ha avuto un malore. Un arresto cardiocircolatorio manifestatosi tramite una difficoltà respiratoria; gli insegnanti hanno allertato i soccorsi del 118.

I soccorritori hanno provveduto alle procedure di rianimazione portando il bambino presso l’Ospedale Grassi di Ostia.Il ragazzo dapprima aveva recuperato il ritmo cardiaco per poi riperderlo e andare in fibrillazione. Alle ore 14:50, purtroppo, i medici hanno dichiarato il decesso presso il nosocomio di via Passeroni.

Nulla da fare quindi per il piccolo. Presso il campo di Stella Polare era arrivata anche l’eliambulanza che purtroppo non è servita.Sul decesso gli agenti del commissariato del Lido della Polizia di Stato si occuperanno delle indagini di rito per dichiarare le cause dell’arresto cardiocircolatorio.

Statistiche

Le statistiche sono inaspettate: circa 60mila persone l’anno muoiono a causa di un arresto cardiocircolatorio. Numeri forti sopratutto se si considera che spesso molti luoghi non sono attrezzati a dovere. Se in ogni struttura pubblica è prevista la presenza di un estintore ciò non è lo stesso per la presenza di defibrillatori. Luoghi come scuole aziende ed associazioni non hanno infatti nessun obbligo.

Come le scuole anche i condomini o le case sono sprovviste delle dovute strumentazioni, ed è proprio li che avvengono spesso gli arresti cardiaci. dei 60mila circa il 7% ha meno di 30 anni, il 3,5% è al di sotto degli 8 anni. 4200 i ragazzi e 2100 i bambini che quindi muoiono per attacchi cardiocircolatori. La sensibilizzazione a questi avvenimenti può risultare come un vero rimedio preventivo e di ausilio nei confronti dei soccorsi.

(fonte statistiche: sito Business Insider Italia)

Seguici su Facebook

Non perderti le nostre news e visita il Sito

© RIPRODUZIONE RISERVATA