Cinema

“Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino”: memoriale di una generazione

È il 1978 quando due giornalisti tedeschi pubblicano un memoriale sul giro di droga e prostituzione minorile di Berlino basato sulle testimonianze e le confessioni della quattordicenne Christiane F., dando vita a una delle più grandi inchieste del periodo e poi al celebre libro Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino.

Due anni dopo Uli Edel trae un film omonimo da questa storia allucinante, che ha sconvolto il mondo a causa della giovanissima età dei protagonisti coinvolti, e così raggiunge anche chi non ha letto il libro. Christiane F. – Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino è il simbolo di una generazione, nonché il documento perfetto per raccontare il degrado della Berlino prima del 1989.

Tra droga e prostituzione crescono dei ragazzini sbandati, senza prospettiva di un futuro e per questo già adulti nei modi e negli atteggiamenti, dovendo sopravvivere in una realtà troppo sconvolgente perfino per i grandi. Benché non crudo quanto il libro, in cui Christiane descrive con minuzia ogni dettaglio della sua tossicodipendenza, il film è comunque una valida alternativa grazie alle interpretazioni degli attori.

In particolare Natja Brunckhorst a soli 15 anni riesce a immedesimarsi con intensità nel ruolo di Christiane, offrendo un’interpretazione sofferta e per questo iconica e indimenticabile. A fare la loro parte anche il trucco, che restituisce con realismo la realtà anche fisica della tossicodipendenza, e scenografie e location in cui lo squallido grigiore dei “casermoni” comunisti fa da sfondo alla vicenda.

E in mezzo a questo degrado risuonano le note di David Bowie, a Berlino nello stesso periodo in cui i ragazzi dello zoo vivevano il loro personale inferno. Chissà se anche loro pensavano di poter essere degli eroi solo per un giorno.

Chiara Cozzi

Segui Metropolitan Magazine ovunque! Ci trovi su FacebookInstagram e Twitter!

Ph: taxidrivers.it

Adv
Adv

Chiara

Da sempre propensa a dare un'opinione su ogni cosa, l'unica strada percorribile era quella della critica cinematografica. Nel frattempo ho conseguito due lauree in cinema e ho aperto la pagina Instagram @cinematic_witch, dove faccio della divulgazione cinematografica la mia missione.
Adv
Back to top button