C’erano state delle chiacchierate in passato, ma si è dovuto aspettare fino al 5 agosto affinché queste divenissero realtà. Max Canzi sarà l’allenatore dell’Olbia per la prossima stagione. Dopo aver trascorso 5 anni in panchina alla guida della Primavera del Cagliari, avrà l’opportunità di allenare una prima squadra. Dunque, la dirigenza gallurese si affida a lui per la prossima stagione e avrà come obiettivo in primo luogo una salvezza tranquilla. Se invece, in seguito, dovesse arrivare qualcosa di più, sarà tutto guadagnato.

Canzi all'Olbia
Canzi all’Olbia

Il biglietto da visita di Canzi

Sicuramente il secondo posto ottenuto con la primavera del Cagliari non può che fare una buona pubblicità al tecnico milanese. Tant’è vero che a fine stagione, con l’arrivo di Zenga in panchina, Giulini lo aveva promosso come allenatore in seconda dei rossoblù. In realtà però, era già da qualche tempo che l’Olbia stava sondando il profilo di Canzi e alla fine la decisione è stata presa.

Un allenatore con un’idea tattica precisa e probabilmente con un modulo preferito. Nel capoluogo sardo la disposizione dei giocatori in campo più utilizzata è stata il 4-3-1-2. Tuttavia, basta approfondire un poco le ricerche per capire che il tecnico in realtà non adopera solo quello modulo. Una delle qualità migliori di Canzi è la sua capacità di adattamento ai giocatori che ha a disposizione e in base ai quali poi, sceglie la strategia migliore.

Ora è tempo di acquisti

La dirigenza olbiese intanto si sta adoperando per fornire la rosa migliore possibile al nuovo tecnico. Intanto, ha cominciato dalla conferma di Giandonato, centrocampista arrivato in prestito a gennaio dal Piacenza e ora acquisito a titolo definitivo. Il secondo colpo invece, porta la firma di Arboleda, terzino ex dell’Arzachena. L’ultimo acquisto per il momento sembrerebbe quello di Emerson, in arrivo dal Potenza. Come riportato da TuttoC.com la società sarda avrebbe superato le avversarie e si sarebbe aggiudicata la firma del difensore centrale.

Seguici su Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA