Gossip e TV

Paolo Ruffini festeggia al Teatro Brancaccio il suo 41esimo compleanno

Adv

Alla soglia dei 41 anni Paolo Ruffini festeggia il giorno del suo compleanno, il 26 novembre, con lo spettacolo Up&Down che per questa nuova data ha scelto il Teatro Brancaccio. Uno show originale, fatto di ironia, balli, musica, sketch e riflessioni che mostrano un Paolo Ruffini ironico e riflessivo.

Uno spettacolo per mostrare le abilità

Scenografia natalizia, alberi di Natale, pacchi appesi al soffitto e sottofondo musicale dal vivo con la pianista Claudia Marcolongo, fanno da cornice a un’introduzione in pieno stile Ruffini, con luci puntate sul pubblico e interazione con lo stesso, caratteristica tipica della comicità fiorentina. Paolo Ruffini apre il suo show Up&Down con grandi risate e applausi presentandolo come uno spettacolo che mostra le sue abilità come show man, ma anche le capacità della compagnia livornese Mayor Von Frinszius. Il tema dello spettacolo è la relazione nelle sue diverse sfumature, dalla relazione con il gioco, con il corpo, con le favole, con il futuro, fino alla relazione con l’amore, tema molto caro a Ruffini che ha dichiarato la crisi con la compagna Diana Del Bufalo.

Paolo Ruffini durante lo spettacolo Up&Down
Paolo Ruffini durante lo spettacolo Up&Down – Photo Credt: Paola Sireci

Uno spettacolo “normale”

Nella sua seconda tappa al Teatro Brancaccio, dopo quella milanese, Up&Down è ancora una volta acclamato dal pubblico con il suo secondo sold out, grazie a un cast formato da sette talentuosi ragazzi, sei affetti da sindrome di down e uno autistico, che hanno portato sul palco non solo le loro velleità canore, comiche, di danza, ma anche quelle emotive, motore dello spettacolo. Un’alternanza di monologhi di Paolo Ruffini e sketch della compagnia, tra comicità e riflessioni il cui il messaggio dell’attore e comico livornese è che non esiste la perfezione in natura, e i difetti non sono che sfumature della normalità, quest’ultima concetto relativo agli occhi di chi la definisce.

Non vedo la differenza tra i down e Ruffini
Infatti non c’è
 – Paolo Ruffini

Uno spettacolo in cui la disabilità viene esorcizzata, ironizzata e non abbellita. La normalità dello spettacolo risiede, infatti, nella spontaneità della compagnia che con la sua bravura riesce a catturare l’empatia e le risate del pubblico. Paolo Ruffini sa come intrattenere il pubblico e anche stavolta, nel giorno del suo compleanno, lo ha dimostrato.

Adv
Adv
Adv
Back to top button