Attualità

Papa a Lesbo per i Profughi: Erdogan contrariato

Un viaggio che non piace ad Erdogan quello del Papa a Lesbo per i profughi, Bergoglio però, non si fa frenare.

Non ha molto senso girarci intorno: quella tra Bergoglio ed Erdogan sembra quasi una sfida. Molto clamore c’èn stato attorno al viaggio di Papa Francesco a Cipro, in Grecia. Questo perché vederlo tra i migranti – è stato in visita a Lesbo – rappresenta una missione pastorale che si  svolge tutta sul fronte anti-Erdogan nel Mediterraneo orientale.    

Papa a Lesbo per i Profughi: Bergoglio tornerà una seconda volta

Inoltre, presentando il viaggio apostolico che il Papa compie da oggi a lunedì a  Cipro e in Grecia, il portavoce del Vaticano Matteo Bruni fa una dichiarazione importante.

“questo è un viaggio nel segno dei migranti e Papa Bergoglio tornerà per la seconda volta nell’isola di Lesbo. Proprio come fece nel 2016 quando tornò a Roma con dodici profughi”

Matteo Bruni, portavoce del Vaticano

 Del resto la crisi dei migranti è a tutti gli effetti una tragedia umanitaria. Va anche detto che la manipolazione dei rifugiati è spesso stata strumentalizzata in chiave politica. La stessa Turchia ricatta l’Europa sulla rotta balcanica ed  ellenica dei migranti, così come lo fa la Bielorussia nei confronti della Polonia e i trafficanti libici rispetto all’Italia. I turchi  stessi di recente hanno lasciato passare dei migranti dal confine tra Cipro Nord e Cipro greca.  

Papa a Lesbo per i Profughi: quando si parla di Cipro non si parla di un’isola ma di una Nazione

Ovviamente non si esaurisce qui la vicenda. Bisogna aggiungere altro: infatti aggiunge lo stesso nunzio apostolico a Cipro, monsignor Ylana:

“Dire che il Papa visita un’isola è improprio. Direi meglio che visita un popolo, un Paese che è anche un Paese che si trova in mezzo al mare. Una nazione che adesso, come  tutte le altre nazioni, ha problemi di divisione come anche molti altri  Paesi hanno”.

Monsignor Ylana

Cipro è una questione irrisolta e bruciante. Questo perchè l’isola  è divisa tra la Repubblica di Cipro greco-cipriota, riconosciuta  internazionalmente e membro dell’Unione europea, e l’autoproclamata  Repubblica Turca di Cipro del Nord (RTCN), che occupa il terzo  settentrionale dell’isola ed è riconosciuta solamente dalla Turchia.

Nicosia è ancora una delle poche città al mondo divise in due, anche  se il Muro che la separava materialmente – dopo il tentativo di  annessione della giunta militare greca e l’invasione delle forze  armate turche del 1974 – non c’è più tempo. La breccia che si  era aperta a Nicosia nell’ultimo Muro d’Europa si richiuse  amaramente il 25 aprile del 2004 quando il referendum dell’Onu sulla  riunificazione di Cipro fu approvato dai turchi e respinto dai greci:  veniva così sancito il paradosso territoriale di un’isola che una settimana dopo, il primo maggio, da una parte diventava Europa mentre l’altra ne restava fuori. I greci, che si erano già garantiti  l’accesso all’Unione, non avevano nessun interesse a mettersi  insieme ai turchi: Bruxelles commise un errore clamoroso che fece  affondare il piano del segretario dell’Onu Kofi Annan.    

La Turchia oggi

Oggi nella parte turca dell’isola ci sono i droni della Turchia e  Ankara sta costruendo basi sul territorio della Repubblica turca di  Cipro Nord. Queste sono destinate a ospitare aerei da guerra e le nuove navi della  Marina. Nella parte greca dell’isola ci sono i droni e i sistemi di sorveglianza elettronica israeliana. Ma non solo: anche le basi greche, quelle inglesi e le nuove alleanze in funzione anti-Erdogan. Queste comprendono Grecia, Francia, Egitto, Emirati, anche se proprio in questi giorni Ankara e Abu Dhabi  hanno annunciato accordi economici importanti che in qualche modo  allentano la tensione tra due Paesi.    

Al centro del contenzioso nel Mediterraneo orientale ci sono le riserve di gas offshore, la divisione tra diverse zone economiche esclusive di  sfruttamento e i confini marittimi tra Grecia e Turchia. Nei piani  rientra anche il gasdotto East-Med che in futuro dovrebbe trasportare le  risorse di gas di Egitto, Palestina, Israele e Libano. Il tutto verso i mercati  europei, insieme a quelle greche e cipriote.

Questo uno dei motivi che  hanno portato la Turchia in Libia. Dove, in cambio dell’aiuto militare del 2019 contro il generale Khalifa Haftar, Ankara ha ottenuto di  tracciare un zona economica che parte dalla Tripolitania fino alle coste  turche. Mossa cui hanno replicato alla stessa maniera Grecia ed Egitto.

Ma perché si parla di un fronte-anti-Erdogan nel Mediterraneo?

Alla fine di settembre è stato firmato il patto militare tra Parigi e Atene. Questo è stato voluto fortemente sia dal premier greco Mitsotakis sia dal presidente Macron per esigenze diverse ma convergenti. Atene voleva mostrare alla  Turchia di avere alle spalle un alleato forte. Il tutto pronto a intervenire in sua difesa in caso di grave “interferenze” di Ankara nell’Egeo e  nel Mediterraneo orientale. Parigi aveva la necessità di piazzare un colpo di mercato da tre miliardi di euro. Questo per coprire almeno in parte la perdita del contratto con l’Australia per i sottomarini, naufragato per colpa di Aukus. E lo ha fatto vendendo tre fregate alla Marina ellenica, battendo così anche la concorrenza di Fincantieri.    

Ma quello che conta è il segnale politico di una sinergia. Sinergia con la Grecia, che a questo punto si sta cementando in qualcosa di molto simile a un’alleanza strategica. Tale alleanza si stanzia in parallelo rispetto alle organizzazioni di cui fanno parte entrambi i Paesi, e cioè Nato e Unione europea. Oltre al rafforzamento della flotta ellenica, è stata quindi inserita una clausola di mutuo soccorso per la tutela della Grecia.  

Nell’accordo è prevista una “garanzia di intervento in caso di  attacchi da parte di Paesi terzi” anche se parte di alleanze in cui sono coinvolte Atene e Parigi come la Nato. Un modo per non dire  “Turchia”, che a questo punto diventa il vero avversario di  un’alleanza franco-ellenica che vuole incidere sul Mediterraneo  orientale.    

Il paradosso è che Francia, Grecia e Turchia fanno tutte parte della Nato. E tanto basta a far percepire al lettore quali, a conti fatti, siano contraddizioni oggi occupano l’arena dell’Europa e il Mediterraneo.

Articolo di Maria Paola Pizzonia

Seguiteci su:
Facebook
Instagram
Twitter

Maria Paola Pizzonia

Studentessa di Sociologia Politica alla Sapienza di Roma e Fumettista per la Scuola Romana del Fumetto. Ha conseguito l'attestato di Scrittura alla Scuola di Narrativa e Saggistica Omero di Roma. Ha partecipato fino al 2016 agli Studi Pirandelliani di Agrigento. Ha lavorato con Live Social by Radio Capital. Assistente di redazione per Pagine Edizioni. Scrive anche per Chiasmo Magazine, Mangiatori di Cervello, Octonet. Redattrice di Metrò per Cinema, Attualità&Politica, Infonerd. Ha lavorato al progetto BRAVE GIRLS di cui si occupa attualmente.
Back to top button