Oggi si festeggia in musica la cinquantesima “Giornata della terra” con “Earth day 50: a virtual festival for our planet”. L’evento sarà trasmesso in diretta Instagram da “Pathway to Paris” (@pathwaytoparis). Si inizia dalle ore 22:00 italiane (16:00 pm Est). Molti artisti si alterneranno per rispondere alla call to action focalizzata ad affrontare il cambiamento climatico. L’organizzazione, No Profit, è nata nel 2014 per trasformare in realtà gli Accordi di Parigi.

“Pathway to Paris”, il cast

Sul palco virtuale saliranno i seguenti ospiti, in ordine di apparizione: Jesse Paris Smith & Rebecca Foon (che si esibiranno a più riprese), Patti Smith, Jim Jarmush, il capitano della Nazionale Italiana di Basket Gigi Datome, Olafur Eliasson, Giovanni Caccamo, Micah Nelson (Particle Kid), Rebecca Foon, Patrick Watson, Jesse Paris Smith, Nikolai Fraiture, Yuill Herbert (co-fondatore del “Sustainability Solutions Group”), il musicista tibetano Tenzin Choegyal, Cat Power, Raju Lama, Rain Phoenix, Tony Hawk, Ben Harper, Michael Stipe, Bill McKibben (fondatore di 350), Flea.

Jesse Paris e Rebecca Foon fondatrici di "Path to Paris"
Jesse Paris e Rebecca Foon fondatrici di “Path to Paris” – Photo Credits: Steven Sebring

A sorpresa, a rappresentare l’Italia sarà presente Giovanni Caccamo. La scelta è caduta sul cantautore siciliano per un incastro di fortunate coincidenze. Giovanni stesso ha raccontato che ad una cena ha conosciuto Jesse Paris, la figlia di Patti Smith, cofondatrice di “Pathway to Paris” insieme a Rebecca Foon. Tra loro si è immediatamente creata un’empatia veicolata dalla musica che Giovanni ha fatto ascoltare a Jesse. La ragazza è stata tanto colpita da invitarlo a partecipare all’evento di risonanza mondiale. Caccamo proporrà per l’occasione il suo brano “Eterno”, in gara al Festival di Sanremo 2018, e la grande hit di Frankie ValliCan’t take my eyes off you”. Il concerto nasce per diffondere questo dichiarato intento:

“L’umanità deve affrontare un futuro sconosciuto; dobbiamo riconoscere il fatto che non possiamo semplicemente tornare al nostro comportamento di prima. Esempi di guarigione planetaria sono in atto in questo momento a causa della diminuzione del consumo umano. Vedere questi cambiamenti ci rende consapevoli dell’impatto dell’umanità sul pianeta. Possiamo ridisegnare il nostro mondo e ti stiamo chiedendo di unirti a noi.”

Seguici su Metropolitan Magazine e Metropolitan Music

© RIPRODUZIONE RISERVATA