Attualità

Pena di morte: in South Carolina arriva il plotone d’esecuzione

Gli Stati Uniti d’America sono uno dei 58 paesi al mondo in cui è prevista e riconosciuta la pena capitale, ma l’unico paese occidentale. I crimini punibili con la pena di morte sono cinque: alto tradimento, spionaggio, omicidio, favoreggiamento nella circolazione d’informazioni che danneggiano la sicurezza della nazione, l’omicidio di agenti di ogni grado ed infine atti di terrorismo. In alcuni paesi dello Stato, la pena è applicabile anche a chi ha commesso traffico di droga, omicidio premeditato e abuso o stupro.

La fucilazione in alternativa alla sedia elettrica

La Carolina del Sud è uno degli stati in cui è contemplata la pena di morte, abolita invece recentemente in Virginia. I metodi per porre fine alla vita del detenuto solitamente sono due, la sedia elettrica o l’iniezione letale, in questo stato se ne aggiunge un terzo: il plotone di esecuzione per la fucilazione.

Quest’ultimo metodo è stato preso in considerazione a causa della bassa disponibilità di iniezioni letali dovuta al fatto che le case produttrici si tirano indietro per motivi etici. Al momento della decisione il condannato si troverà a dover scegliere, cosa già assurda di per sé, se essere giustiziato attraverso la sedia elettrica o la fucilazione. Lo ha annunciato ieri, 17 maggio, il governatore del South Carolina, il repubblicano Henry McMaster, su Twitter: “Questo fine settimana ho ratificato una legge che consentirà allo Stato di applicare la pena di morte. Le famiglie e i parenti delle vittime hanno il diritto di piangere e ottenere giustizia grazie alla legge. Ora possiamo farlo“.

Sono 37 le persone che al momento si trovano nel braccio della morte

Al momento ci sono 37 persone nel braccio della morte che sono in attesa di esecuzione, a cui verrà proposta, se non torneranno disponibili i farmaci per l’iniezione letale, la sedia elettrica come prima scelta e il plotone di esecuzione in alternativa.

L’Incarcerated Outreach Network che è l’organizzazione per l’assistenza dei carcerati ha definito tutto ciò spaventoso, scioccante e abominevole. Il rappresentante per i diritti civili, Frank Knaack ha invece dichiarato che, a suo parere, lo stato si sia mosso in questo modo per riavviare le esecuzioni che mancavano da 10 anni per via delle pochissime dosi da iniezione. Anche la sedia elettrica non viene utilizzata da molti anni.

Ad oggi sono 4 gli stati all’interno degli Stati Uniti d’America che permettono l’esecuzione attraverso la fucilazione: oltre al South Carolina anche Mississippi, Oklahoma e Utah dove si sono verificate già 3 esecuzioni.

Adv

Related Articles

Back to top button