Cinema

Penelope Cruz ancora protagonista per un regista italiano

Penelope Cruz foto dal web. Penelope Cruz
Penelope Cruz foto dal web

Gli anni di piombo, il rapimento Aldo Moro, la crisi monetaria, le Brigate Rosse, la banda della Magliana. Gli anni settanta sono stati un decennio di svolta per un Italia contraddistinta da un fermento politico e socio-rivoluzionario elevato e rischioso. Anni da raccontare, da ricordare di cui Emanuele Crialese e Penelope Cruz si faranno carico.

E’ da nove anni che il regista romano con, fondamentali per il suo trascorso artistico, radici siciliane, non si dedica alla sua fruibilità su grande schermo. Uno scherno vista la delicatezza Ameliana delle sue opere da “Once we were a strangers” a “Terraferma”. Due anni fa aveva parlato presso piazza San Cosimato a Roma di una storia di formazione, un viaggio come di consueto, ma stavolta non per il mondo bensì all’interno di sè stessi. Dall’infanzia all’età adulta. Emanuele Crialese, adesso è certo, parlerà degli anni 70′ ma soprattutto di una madre negli anni 70′, dei suoi figli, della vita.

Emanuele Crialese foto dal web

Penelope Cruz: una grande madre per il nuovo Emanuele Crialese.

La stupenda Penelope Cruz sarà la protagonista della prossima opera del regista della speranza, “L’immensità”. L’eccezionale spagnola letto il copione l’ha dichiarata uno dei più belli mai visionati dicendosi entusiasta di questa nuova collaborazione. Interpreterà la madre di cui sopra nei meandri di un decennio fondamentale per la storia italiana. Non nuova ad intromissioni nel cinema italiano ricordiamo le collaborazioni con Sergio Castellitto per “Non ti muovere” e “Venuto al mondo” e con Giovanni Veronesi per “Per amore, solo per amore”.

Un connubio che sulla carta si presenta efficace anche perchè composto da due professionisti di non poco conto. Le riprese previste nell’estate del 2021 prospettano lunghi mesi di attesa se non anni.

Seguiteci su MMI, Metropolitan Cinema, Facebook, Instagram, Twitter.

Back to top button