MetroNerd

Perché First Kill è stata cancellata da Netflix?

First Kill è stata cancellata dopo una sola stagione, unendosi alla lista crescente di serie originali Netflix con protagoniste donne LGBTQ+ che non sono riuscite a superare la seconda stagione. Il motivo della cancellazione, secondo quanto riferito da Screen Rant, è che la prima stagione non ha avuto successo in termini di spettatori e di completamento degli episodi. Eppure, First Kill ha registrato oltre 100 milioni di ore di streaming nel primo mese di uscita, molto più di originali Netflix rinnovati come Heartstopper, lasciando gli spettatori a chiedersi se si trattasse davvero di un problema di audience o di lesbofobia percepita da Netflix.

First Kill è stata cancellata da Netfix, ed effettivamente non si capiscono le cause

La prima stagione di First Kill, basata sull’omonimo racconto di V.E. Schwab, ruotava attorno ai Burns, una famiglia nera di cacciatori di mostri la cui figlia minore Calliope era alla ricerca della sua prima uccisione, e ai Fairmont, una famiglia di vampiri Legacy la cui figlia minore Juliette era anch’essa alla ricerca della sua prima uccisione. Nel corso degli otto episodi, Juliette e Calliope non solo raggiungono le loro prime uccisioni, ma si innamorano contro il volere delle loro famiglie e comunità. Se la serie fosse stata rinnovata, il finale con cliffhanger avrebbe aperto Savannah, in Georgia, a mostri e drammi ancora maggiori nella seconda stagione di First Kill.

Prima dell’uscita di First Kill, i membri della comunità LGBTQ hanno esortato gli abbonati a guardare la serie in streaming e a promuovere maggiormente lo show sui social media affinché avesse successo. Dopo una serie di cancellazioni di una stagione con personaggi femminili LGBTQ di primo piano, da Gypsy a Teenage Bounty Hunters, molti membri della comunità si aspettavano che First Kill seguisse le loro orme e hanno cercato di salvare la serie attraverso i numeri degli spettatori. Grazie a questo seguito, molti speravano in una seconda stagione, ma dopo la cancellazione, la showrunner di First Kill, Felicia D. Henderson, ha sostenuto che il marketing dello show è stato poco intenso, concentrandosi quasi esclusivamente sulla relazione tra Calliope e Juliette quando c’era molto di più da mettere in evidenza nella storia. “Credo di essermi aspettata che quello fosse l’inizio e che gli altri elementi altrettanto avvincenti e importanti della serie – mostri contro cacciatori di mostri, la battaglia tra due potenti matriarche, ecc. — eccetera – sarebbero stati promossi, ma non è successo”, ha detto Henderson. La vicenda mette in luce un problema ricorrente di Netflix e delle sue serie televisive originali, soprattutto per quanto riguarda le donne e le ragazze della comunità LGBTQ+.

A causa di queste cancellazioni dopo una sola stagione, che comprende anche I Am Not Okay With This e Everything Sucks!, i membri della comunità sono arrivati a definire Netflix lesbofobica e a sostenere che First Kill non ha mai avuto davvero una possibilità. Una petizione per rinnovare la serie ha già raccolto quasi 6.000 firme e #CancelNetflix ha fatto tendenza a livello globale insieme a #RenewFirstKill su Twitter dopo la notizia della cancellazione. Gli spettatori hanno anche fatto notare che la cancellazione di First Kill ha potenzialmente aggiunto altri livelli, dal momento che presentava una lesbica nera in uno dei ruoli principali, creando una potenziale intersezione di discriminazione.

Non si sa quale sarà il futuro di Netflix per quanto riguarda gli show che hanno come protagonisti e mettono in risalto i personaggi LGBTQ+, le loro relazioni e le loro esperienze, ma la cancellazione di First Kill e di molte altre serie che l’hanno preceduta dimostrano che Netflix ha un problema LGBTQ+ che deve essere risolto.

Seguici su Google News

Arianna

Classe '93, viene adottata dalla Capitale nel 2012. La passione per la scrittura l'ha portata qui su InfoNerd. Tra anime, manga, serie tv, musica, cinema, ama tutto ciò che sia Arte.
Back to top button