“Guardate come mi hanno conciato i carabinieri” 21enne denunciato per diffamazione

Un ragazzo 21enne di San Donà di Piave, Venezia, diffonde un video: “I carabinieri mi hanno spaccato la testa”. Le telecamere della zona però sembrano smentirlo.

Il video diffuso dal ragazzo

Guardate come mi hanno conciato i carabinieri di San Donà perché oggi ero in giro. Mi hanno spaccato la testa, mi hanno gonfiato l’occhio colpendomi con il manganello in faccia”. Queste le parole del 21enne di San Donà di Piave. Il giovane ha diffuso un video in cui denuncia l’aggressione subita dai militari e mostra le ferite riportate. Il 21enne è stato poi denunciato per diffamazione; le telecamere di zona, infatti, raccontano una versione diversa. 

Il ragazzo fermato lunedì nei pressi del Serd

Il fatto risale a lunedì pomeriggio -spiegano dall’Arma- quando il ragazzo è stato fermato nei pressi del Serd di San Donà, precisamente al parco Europa, mentre consumava una birra insieme ad alcuni amici. Al contrario il ragazzo racconta nel video la sua versione: “Io devo andare tutti i giorni in ospedale per assumere dei farmaci e mentre aspettavo che aprisse ero con due amici. La pattuglia mi ha chiesto l’autocertificazione, gliel’ho mostrata e quando mi sono permesso di far notare che era tutto in regola questa è stata la loro reazione.” Subito dopo, nel video, il giovane sposta i capelli e mostra i segni dell’aggressione.  

Le telecamere di zona sembrano smentirlo

Secondo gli investigatori le ferite del giovane sono state provocate in altri modi. Le telecamere di zona mostrerebbero che l’aggressione non c’è stata da parte dei militari e per questo motivo il ragazzo è stato denunciato per diffamazione. Sempre secondo la ricostruzione dei militari, il ragazzo dopo esser stato fermato nei pressi del Serd, è stato portato in caserma e qui denunciato per aver violato il decreto legato all’emergenza coronavirus. 

Leggi tutta l’attualità

© RIPRODUZIONE RISERVATA