Cinema

Regina King è in lutto per la tragica perdita del figlio: Alexander muore suicida a 26 anni

Alexander Jr.unico figlio di Regina King, si è tolto la vita all’età di 26 anni. La madre, devastata dalla perdita, chiede rispetto e privacy da parte della stampa.

Conosciamo tutti la nota regista americana Regina King. La stella premio Oscar aveva un figlio, il suo unico figlio, con l’ex marito Ian Alexander Sj, dj e produttore discografico. Come il padre, anche Alexander Jr. faceva il dj e condivideva un legame fortissimo con a madre. Niente sembrava andare per il verso sbagliato, ma queste cose succedono senza che nessuno possa mai anticiparlo davvero. Alexander si toglie la vita all’età di 26 anni, una vita appena cominciata. L’incolmabile e improvvisa perdita è devastante per la famiglia, che chiede privacy.

Il 19 gennaio ha festeggiato il suo compleanno, e il 23 ha deciso di non celebrarsi più. Un suicidio non si capisce mai, arriva e basta e sconvolge tutti, lasciando una scia di chissà dietro di sé. Regina King, premio Oscar nel 2019 per il film Se le strade potessero parlare, chiede alla stampa americana e internazionale di non speculare oltre, nel rispetto del dolore che pervade la famiglia. Se il suo ragazzo potesse parlare, chissà che direbbe. Chissà, chissà. Una lacuna eterna, che per il mondo va lasciata così. Toccherà alla famiglia affrontarla, alla famiglia soltanto.

Stessa sorte, pochi giorni fa, anche per il figlio della cantante Sinéad O’Connor, Shane O’Connor, morto suicida a 17 anni. Due giovani perdite, troppo improvvise per essere vere, eppure.

«La nostra famiglia è profondamente distrutta dalla perdita di Ian. È una luce brillante che teneva moltissimo alla felicità degli altri. La nostra famiglia chiede rispetto in questo momento privato». Questa è l’unica dichiarazione ufficiale condivisa da un portavoce dei King, ma (come è giusto che sia) non ci saranno altri dettagli.

Nella cover dell’articolo Regina King con Alexander Jr. al LACMA Art a Los Angeles, 2019.

Serena Baiocco

Seguici su Metropolitan Magazine

Adv

Related Articles

Back to top button