Un giocatore molto solido, 12 anni senza mai perdere la carta. Poi Robert-Jan Derksen decide di smettere. Vediamo il perché

Robert-Jan Derksen – l’inizio di carriera e le prime vittorie

Il giocatore olandese, classe 1974, vince da dilettante per 4 volte di fila il Dutch Amateur Championship per poi passare professionista all’età di 22 anni, nel 1996. Gli ci vuole qualche anno di gavetta sul Challenge Tour per arrivare in pianta stabile sullo European Tour nel 2003. Non perderà mai più la carta fino al 2014. Nei primi tre anni sul tour vince due gare: nel 2003 trionfa nel Dubai Desert Classic dove ha battuto Ernie Els di un colpo mentre nel 2005 ha la meglio nel Madeira Island Open, evento co-sanzionato con il Challenge Tour. Dopodiché per Robert-Jan Derksen non arriva più nessuna vittoria, nonostante stagioni solide sul Tour.

Robert-Jan Derksen
Robert-Jan Derksen (Credit: polisportivaroma.it)

Dal 2006 al 2014

Il giocatore olandese, oltre alle due vittorie, colleziona in tutti questi anni sul tour la bellezza di 2 secondi posti, 3 terzi e ben 22 volte è giunto tra la quarta e la decina posizione. Sono innumerevoli le gare dove ha passato il taglio rispetto a quelle dove si è fermato a metà gara. Conclude la carriera nel 2014 con ben 394 gare giocate sul Tour e più di 5 milioni e mezzo di euro guadagnati in montepremi.

L’Academy di Robert-Jan Derksen (Credit: foursquare.com)

Il passaggio all’insegnamento

Il giocatore olandese, sapendo che non avrebbe migliorato quello che già era riuscito ad ottenere nei 394 tornei giocati, ha così deciso di ritirarsi e focalizzarsi completamente sull’insegnamento. Sta quindi portando avanti la sua Putting Accademy, creata già nel 2011.
Ormai il giocatore svedese non rimetterà più la palla sul tee per una gara dello European Tour, ma proverà a giocare nel Senior Tour quando, nel 2024, toccherà quota 50 anni?

Per altri articoli sul golf cliccate qui.

Per rimanere aggiornati seguite la nostra Pagina Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA