Cinema

Samantha Cristoforetti: l’esperienza con il cinema fantascientifico

Samantha Cristoforetti, la celebre astronauta, interviene all’UltraPop Festival raccontando, di seguito, la sua esperienza nella visione di pellicole e serie tv a tema fantascientifico.

Samantha Cristoforetti, l’intervento su cinema e serie tv dai temi fantascientifici

La celebre astronauta italiana Samantha Cristoforetti, in occasione dell’UltraPop Festival, interviene su un tema a lei molto vicino: il cinema fantascientifico. In occasione dell’evento, cita sia serie televisive che le ultime pellicole riguardanti temi fantascientifici: The Martian di Ridley Scott e Gravity del regista messicano Alfonso Cuarón.

Samantha Cristoforetti - Photo Credits: forbes.it
Samantha Cristoforetti – Photo Credits: forbes.it

Per quanto riguarda The Martian ha affermato come il film sia un po’ romanzato, prendendosi molte libertà rispetto al libro da cui è tratto. Tuttavia, resta molto fedele a ciò che può accadere in una situazione verosimile ma scientificamente poco probabile. Non risparmia le critiche su Gravity, film del 2013 con George Clooney e Sandra Bullock:

”Quel film è paradossale, c’è una ricostruzione grafica perfetta. Quella è la stazione spaziale. Guardi il film ed è come essere lì sulla stazione spaziale. Poi non c’è una cosa che succede in quel film che sia plausibile. È tutto un errore di fisica fondamentale”. 

Successivamente, afferma di aver riso durante il corso della proiezione con il rischio di essere guardata con sospetto dagli altri spettatori in sala:

Ho riso come una pazza. Il film era drammatico, ma probabilmente mi hanno presa per pazza perché  ridevo in continuazione. Ogni momento succedeva una cosa assurda ed io scoppiavo a ridere e c’erano le persone che mi guardavano”.

Foto in copertina: Samantha Cristoforetti – Photo Credits: rossettimarco.com

Stella Grillo

Io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all'altra. Mi chieda pure quello che vuol sapere e glielo dirò. Ma non le dirò mai la verità, di questo può star sicura. Italo Calvino
Back to top button