SBK 1988-2020 – Oggi 3 aprile è il compleanno del mondiale delle derivate di serie. Ripercorriamo i momenti chiave e i campioni della storia della Superbike.

SBK 1988-2020 – I trionfi di Merkel e di Polen

Il 3 aprile 1988 a Donington Park si disputò la prima gara della storia del Mondiale Superbike riservato alle così dette “derivate di serie”, vale a dire moto di alte prestazioni “normalmente” destinate alla strada, che scendevano per la prima volta in pista sfidandosi in un vero e proprio campionato. Le prime due gare della storia furono vinte da Davide Tardozzi e Marco Lucchinelli, ma a vincere il primo (e il secondo) mondiale SBK fu l’americano Fred Merkel alla guida della Honda RC30.

SBK 1988-2020 Doug Polen
Doug Polen ha il record, a pari merito con Rea, di maggior numero di vittorie in una singola stagione, ovvero 17 – Photo Credit: WorldSBK.com

Seguì il triennio targato Ducati con i successi di Raymond Roche nel 1990 e con i due titoli di Doug Polen nel ’91-92. Nel 1993 andò in scena una delle stagione più pazze di sempre: round di Brands Hatch disputato sotto un diluvio universale e round finale del Messico cancellato, in quanto i piloti si rifiutarono di correre perché vicino al circuito vi era un campo da calcio e molti palloni finivano in pista e sul tracciato c’erano alcuni cani randagi. Alla fine quel mondiale venne vinto da Scott Russell, ma in quell’anno nacque una stella di nome Carl Fogarty.

SBK 1988-2020 – L’era di Carl Fogarty e il mondiale del 2000

Il pilota inglese fece la storia del mondiale delle derivate di serie laureandosi campione del mondo con Ducati nel 1994, 1995, 1998 e 1999 e prendendo il soprannome di “The King”. Nel 1996 e 1997 i titoli vennero vinti da Troy Corser, altra stella nascente della SBK e John Kocinski, ex pilota del mondiale 500cc che vinse il titolo delle derivate di serie al secondo tentativo, dimostrando che il mondiale SBK non era un campionato di Serie B rispetto alla 500cc del Motomondiale, ma una sua alternativa. Protagonisti per la lotta al titolo nel corso di questo decennio anche tre piloti italiani come Giancarlo Falappa, Fabrizio Pirovano e Pierfrancesco Chili.

Carl Fogarty
Carl Fogarty è tutt’oggi il pilota che ha vinto più mondiali in Superbike con Ducati, ovvero 4 – Photo Credit: WorldSBK.com

Nel 2000 andò in scena uno dei mondiali più controversi di sempre. Il 2 aprile, al termine di Gara2 del Sud Africa, Noriyugi Haga venne trovato positivo ad un controllo antidoping per efedrina e a seguito di vari ricorsi il 13 ottobre, alla vigilia dell’ultimo gran premio a Brands Hatch venne confermata la squalifica del giapponese che perse i 25 punti della vittoria in gara 2 ottenuta in Sud Africa e venne squalificato per un mese, saltando così l’ultimo gran premio della stagione e consegnando matematicamente il titolo piloti a Colin Edwards. Questo è anche l’anno del ritiro dalle corse di Carl Fogarty, a causa dell’incidente del 25 aprile dove il pilota inglese cadde rovinosamente fratturandosi l’omero del braccio sinistro e venendo operato con una prognosi di almeno 40 giorni. Il suo posto in Ducati venne preso da un giovane pilota di nome Troy Bayliss.

SBK 1988-2020 – Dalla rivalità Bayliss-Edwards ai trionfi di Troy Corser e James Toseland

Bayllistic” vinse il titolo mondiale SBK nel 2001 con Ducati, dominando la stagione dalla prima all’ultima gara. Nel 2002 andò di scena la lotta per il titolo tra Bayliss ed Edwards con i due piloti che occuparono le prime due posizioni alternandosi per quasi tutta la stagione. Alla fine a laurearsi campione del mondo fu Edwards di 11 punti su Bayliss.

Bayliss vs Edwards
La lotta al titolo del 2002 tra Bayliss ed Edwards è stata la più combattuta della storia del WorldSBK – Photo Credit: WorldSBK.com

Nel 2003 i due grandi protagonisti della scorsa stagione passarono in MotoGP e a vincere il mondiale fu Neil Hodgson con Ducati. La scuderia di Borgo Panigale vinse il titolo piloti anche nel 2004 con James Toseland. In questa stagione Pirelli divenne fornitore unico del mondiale SBK. Nel 2005 Troy Corser riconquistò il mondiale delle derivate di serie dopo 9 anni, portando Suzuki a vincere il primo (e al momento unico) mondiale piloti. Nel 2006 Bayliss ritornò e vinse, dominando, il secondo mondiale SBK, sempre alla guida della Ducati. In quell’anno il pilota australiano si toglierà anche la soddisfazione di vincere il Valencia GP della MotoGP.

Troy Corser
Troy Corser è l’unico pilota Superbike ad aver vinto un titolo mondiale in sella ad una moto bicilidrica (Ducati 955) e ad una quadricilindrica (Suzuki GSXR1000 K5) – Photo Credit: troycorser11 Instagram

Nel 2007 James Toseland si laureò con Honda per la seconda volta campione del mondo arrivando davanti di soli due punti su Haga. Questo è anche l’anno nel quale debuttò nel mondiale delle derivate di serie Max Biaggi, quattro volte campione del mondo 250cc. Nel 2008 Bayliss vinse il terzo titolo mondiale SBK e si ritirò dal mondo delle corse.

SBK 1988-2020 – I due titoli mondiali di Max Biaggi

Il mondiale 2009 fu un campionato molto combattuto ma alla fine a vincere fu Ben Spies, pilota che vinse il titolo al debutto nel WorldSBK. Quello del pilota americano è anche il primo ed unico titolo piloti in SBK vinto da Yamaha. In questa stagione troviamo tra i protagonisti Michel Fabrizio, che concluse in classifica in terza posizione.

SBK Ben Spies
Ben Spies sorprende tutti e vince il mondiale 2009 al debutto nel WorldSBK – Photo Credit: WorldSBK.com

Nel 2010 Max Biaggi si laureò campione del mondo con Aprilia (primo titolo piloti per la scuderia laziale) e divenne il primo pilota italiano a vincere il titolo in WorldSBK. Carlos Checa con la Ducati vinse il mondiale 2011 dominando in lungo e largo la stagione. In questa stagione Marco Melandri debuttò nel WorldSBK e divenne subito uno dei grandi protagonisti.

SBK 1988-2020 Max Biaggi
Max Biaggi è al primo ed unico pilota italiano ad aver vinto il mondiale SBK – Photo Credit: WorldSBK.com

Nel 2012 Max Biaggi vinse il secondo titolo mondiale SBK con Aprilia di 0,5 punti su Sykes (situazione verificatosi in quanto nella Gara2 di Monza i punti vennero dimezzati). Il 7 novembre “Il Corsaro” annunciò il ritiro dalla corse. Nel 2013 Tom Sykes ottenne la sua rivincita personale e si laureò con Kawasaki campione del mondo SBK. A partire da questa stagione Dorna iniziò ad occuparsi dell’organizzazione della WorldSBK.

SBK 1988-2020 – L’era di Jonathan Rea

Nel 2014 Guintoli vinse il titolo SBK con Aprilia superando in classifica Tom Sykes nell’ultima gara della stagione. Kawasaki a questa punto decise di puntare dalla prossima stagione su un giovane, di nome Jonathan Rea. Nel 2015 il titolo piloti è stato vinto, a cinque manches dal termine della stagione, dal britannico Jonathan Rea al primo titolo iridato in carriera e al debutto con la Kawasaki. In questa stagione tornarono a correre come wild-card per due round Bayliss prima e Biaggi poi, con quest’ultimo riuscito anche ad andare a podio in Gara1 a Sepang.

Jonathan Rea
Jonathan Rea è il pilota con più titoli e vittorie della storia della WorldSBK – Photo Credit: WorldSBK.com

Jonathan Rea farà, negli anni a venire con Kawasaki, la storia del WorldSBK laureandosi campione del mondo nel 2016, 2017, 2018 e 2019 e diventando così il pilota con più titoli del mondiale delle derivate di serie. A questo record si aggiunge che “The Cannibal” ha anche quello di maggior numero di vittorie nel WorldSBK, ovvero 89. Nel 2020 Jonathan Rea vorrà vincere ancora, ma numerosi avversari, come Razgatlioglu, Van der Mark, Lowes, Redding e Bautista, vorranno scrivere a loro modo la storia del mondiale delle derivate di serie.

SEGUICI SU:

© RIPRODUZIONE RISERVATA