Cinema

Ucraina, Sean Penn alle riprese con la verità

L’attore premio Oscar e regista Sean Penn è in Ucraina. Mentre la Russia inizia la sua invasione nell’Europea occidentale, un comunicato del governo ucraino ha confermato l’arrivo dell’artista in occasione delle riprese di un documentario in presa diretta sulle vicende in corso. 

Sean Penn in loco per altre risposte umanitarie

In data 24 febbraio 2022, alle prime luci del conflitto, Sean Penn è stato visto durante una conferenza stampa a Kiev. Secondo quanto dichiarato dall’ufficio del Presidente Volodymyr Zelens’kyj, egli si trova in suolo ucraino con la produzione di Vice Studios per le riprese di un documentario sull’invasione russa e per mostrare al mondo la verità di questo conflitto. 

I lavori cominciarono già nel novembre 2021 con ricerche per la produzione del film e riprese delle forze armate locali. La star è riuscita ad entrare in contato con diversi separatisti della zona del Donetsk che settimana scorsa, assieme all’altra regione separatista Luhansk, è stata definita indipendente dal Presidente Russo Vladimir Putin. Per questo, egli ha dichiarato di stanziare truppe per tenere la zona in sicurezza e lontana dal conflitto. 

In precedenza l’attore si era attivato nella realizzazione di diversi progetti su operazioni anti-guerra e umanitarie, come in occasione del terremoto in Haiti avvenuto nel 2010 il quale ha portato alla realizzazione del docu-film di Discovery Plus “Citizen Penn”, resoconto dell’attore in prima linea in aiuto della popolazione haitiana.

Nel comunicato diffuso dal governo ucraino si parla quindi del suo progetto cinematografico e in occasione di questo, l’ufficio stampa aggiunge

Penn è tra coloro che sostengono l’Ucraina in Ucraina oggi. Il nostro paese gli è grato per una tale dimostrazione di coraggio ed onestà”. 

Non mancano comunque commenti di carattere politico nei confronti delle potenze occidentali. Per questo nel comunciato viene inserito

A Sean Penn non manca il coraggio che invece manca ad altri

Rebecca Asia Spadon

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button