Calcio

Serie A, prove del post Coronavirus

La Serie A sonda il terreno per ripartire. Si parla di squadre in ritiro alla ripresa degli allenamenti, con il problema che resta sempre quello di rispettare le norme imposte dal Governo. Inoltre vi sarà una certa rivalutazione dei cartellini dei giocatori che potrebbero ridisegnare il calciomercato e le finanza di numerose squadre italiane.

La Serie A in ritiro

Alla ripresa le squadre andranno in ritiro. Una decisione presa per cercare di raccogliere in un luogo chiuso giocatori, allenatori e tutti coloro che per necessità devono trovarsi lì per aiutare a mandare avanti la ripresa.

Sky Sport ci parla della prima riunione del Comitato medico scientifico della Federcalcio. Da qui la decisione di sancire una nuova diversa quarantena alle squadre. Nonostante la decisione presa, solo 9 squadre su 20 hanno l’opportunità di poter dormire nei ritiri.

Per le altre compagini si dovrà trovare una nuova soluzione. Le possibilità scarseggiano. Una delle idee sarebbe quella di far dormire le squadre in alberghi (attualmente chiusi).

La decisione coinvolge anche gli arbitri. I direttori di gara hanno come punto di riferimento Coverciano, che, però, in questo momento è uno dei luoghi utilizzati dalla Protezione Civile.

La posizione della Fifa

Avvenuta la conferenza (a distanza) tra Uefa, Eca e European Leagues, uno degli argomenti principali è stato il calciomercato. Gli organi calcistici sanno che molte squadre basano il loro bilancio soprattutto nelle finestre di mercato che ci saranno.

Non solo diventa complesso inserire il calciomerato insieme a tutte le competizioni da terminare (e da iniziare), ma resta un mistero come diverse squadre potranno vivere quel particolare momento.

Molte squadre dipendono da quel particolare momento della stagione. Nonostante ciò, la crisi generata dal Coronavirus avrà inevitabilmente ripercussioni gravissime su diverse squadre. Dopo i tagli degli stipendi, sono prossime anche le nuove valutazioni dei cartellini dei giocatori.

https://metropolitanmagazine.it/wp-admin/post.php?post=295320&action=edit

Back to top button