Serie A: vincono Inter, Torino ed Atalanta

Come di consueto sono stati tre i match previsi per le 15 validi per la 27a giornata di Serie A. Inter-Spal, Frosinone-Torino e Sampdoria-Atalanta. Andiamo a vedere il resoconto dei 90′.

Inter – Spal

Tiene banco la questione Icardi in casa Inter, rimasto nuovamente fuori dai convocati. Massiccio turnover per Spalletti fra i titolari in vista dell’Europa League: Asamoah più alto nel centrocampo, Gagliardini al centro del gioco e Lautaro Martinez davanti, supportato da Joao Mario sulla trequarti. Gli 11 della Spal, di fatto, sono stati i titolari, eccezion fatta per Cionek che – squalificato – ha lasciato spazio a Fares.

Partita sorprendentemente equilibrata a Milano nei primi 45 minuti. Una Spal per nulla intimorita dal palcoscenico ha messo in difficoltà un Inter un po’ bloccata. Alla mezz’ora Lautaro Martinez avrebbe anche fabbricato un bel gol, ma l’azione – viziata da un controllo col braccio – ha portato al consulto del VAR e alla conseguente decisione di Calvarese: gol annullato. Ma la notizia peggiore è stata l’uscita di Brozovic, che nel momento più delicato della stagione potrebbe aver subito un infortunio consistente.

Joao Mario e Floccari in un duello della 27a giornata di Serie A Inter – Spal. (Fonte: ANSA/MATTEO BAZZI)

L’Inter non è riuscita a trovare ritmo nemmeno nel secondo tempo, con un’ottima Spal che ha continuato a giocare palla a terra. Al quarto d’ora della ripresa, però, una palla rocambolescamente capitata tra i piedi di Politano in area di rigore si è trasformata nel gol dell’1a 0. Poi, ancora attraverso una palla impazzita, Gagliardini ha sparato dentro il 2 a 0 nerazzurro. Vittoria non molto convincente, ma che vale comunque tre punti in un momento complicato per l’Inter. La Spal invece è sempre più coinvolta nella lotta salvezza.

Frosinone – Torino

Panchina per Ciofani e spazio dal 1′ al tandem offensivo Pinamonti-Ciano nelle fila ciociare, con Maiello al posto dell’infortunato Viviani in cabina di regia. 3-5-2 consueto per Mazzarri: Zaza ha vinto il ballottaggio con Iago Falque e si è posizionato al fianco di Belotti.

Frosinone, più che vivo nel primo tempo, ha messo sotto un Torino poco intenso. Non molte le occasioni concrete, ma sono stati i canarini a provarci di più. I pericoli maggiori sono arrivati dai calcio d’angolo, dove i ciociari hanno prima colpito un palo, e poi trovato il vantaggio a 4 dalla fine del primo tempo con Paganini, che ha impattato bene il pallone di testa mettendo fine all’imbattibilità di Sirigu (che durava da 6 giornate di Serie A).

Un contrasto tra Gori e Meite durante la 27a giornata di Serie A (Fonte ANSA/FEDERICO PROIETTI)

Il Torino è entrato con un altro volto nel secondo tempo. E prima Zaza, poi Rincon, hanno sfiorato il pari. E al quinto della ripresa i granata hanno piazzato il colpo che è valso l’1 a 1, con Belotti che ha trovato di testa il suo nono gol in Serie A. Ma non è finita qui, perché il Gallo è tornato in forma. E infatti al 77′ Belotti ha messo dentro da due passi dopo la sponda di testa di Aina, salendo a quota 10 nella classifica marcatori e dando il 2 a 1 ai piemontesi. Tre punti importantissimi per il Torino che sogna sempre di più l’Europa.

Sampdoria – Atalanta

Saponara a supporto del duo d’attacco Gabbiadini-Quagliarella nel 4-3-1-2 di Giampaolo. Formazione tipo invece per l’Atalanta: Gomez ed Ilicic alle spalle dell’ex di turno Duvan Zapata.

Partita calda e frizzante fin dal 1′, come ci si aspettava da due squadre che giocano un bel calcio. Occasioni da entrambe le parti nel primo tempo: Ekdal con tiro a fil di palo, Linetty con un tiro centrale da dentro l’area. L’Atalanta con il ritmo alto, la qualità di Ilicic sulla fascia destra e i colpi di testa di Zapata.

Zapata e Andersen in contrasto durante la 27a giornata di Serie A Sampdoria-Atalanta (ANSA/SIMONE ARVEDA)

I secondi 45 minuti la Dea ha preso possesso del match, con gli scambi tra Ilicic e Gomez sulla trequarti che hanno fatto la differenza. E sono bastati 4 minuti, infatti, per annotare il vantaggio dell’Atalanta, con il solito Zapata, servito alla grande dal suo compagno slovacco. Ma la Sampdoria ha continuato a cercare di rispondere colpo su colpo, e al 65′ i doriani hanno indotto al rigore che Quagliarella ha trasformato, trovando il suo ventesimo gol in Serie A. Ma l’Atalanta ha un ritmo unico in Italia, ed è riuscita a ritrovare le forze per attaccare (nonostante l’espulsione di Gasperini). Ilicic cross teso e Gosens ha messo dentro da posizione impossibile. 1 a 2. La Samp ha reagito ma Gollini ha risposto alla grande su Ekdal. L’Atalanta ha tenuto, conquistando altri tre punti per la corsa europea ed estromettendo al contempo una diretta concorrente come la Sampdoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA