Calcio

Slavia Praga e Lione: come procedono le avversarie delle italiane in WCL

I sorteggi terminano tutti allo stesso modo: c’è chi si ritiene soddisfatto per un pericolo scampato e chi preoccupato per l’avversario che dovrà affrontare. Per Juventus e Fiorentina il risultato delle urne ha rispecchiato in pieno questa affermazione. Le bianconere saranno impegnate in un doppio incontro davvero complicato. Ad attenderle infatti, c’è l’Olympique Lyon, probabilmente l’attuale squadra più forte del pianeta, capace di trionfare in Women’s Champions League da 5 anni di fila. La Fiorentina invece, ha potuto sorridere un poco dopo che è stato definito l’esito. A Firenze arriverà lo Slavia Praga, squadra vincitrice dell’ultimo campionato Ceco.

Come sta il Lyon

Partendo dalle favorite alla vittoria finale, è risaputo che l’Olympique Lyon domini in Francia da ben 14 anni e da 5 anni si impone anche in Europa. Nessuno sembra riuscire a contrastare questa continua cavalcata trionfale, fatta eccezione per il PSG. Nell’ultimo turno di campionato disputato infatti, il Paris si è imposto per 1-0 grazie al gol di Marie-Antoinette Katoto. Il successo, oltre ai 3 punti, è valso anche la vetta della Division 1: adesso infatti, la formazione parigina si trova in testa con 25 punti e subito dietro c’è proprio l’OL con 24 punti.

Prima di questo stop però, il cammino era stato piuttosto netto con 8 vittorie in altrettanti incontri, 28 reti segnate e solo 3 subite. Le biancorossoblù venivano da ben 15 successi consecutivi in campionato, il primo dei quali datato 26 Gennaio 2020, perciò appartenente alla scorsa stagione.

Come sta lo Slavia Praga

Se la passa “meno bene” lo Slavia Praga che attualmente occupa la seconda posizione del massimo campionato ceco. Davanti con tre punti in più, a quota 21, ci sono le eterne “rivali” dello Sparta. Il derby è stata infatti l’unica sconfitta subita dallo Slavia, ma si è trattato di un tonfo pesante come ha testimoniato eloquentemente il risultato di 5-1.

L’anno scorso, la squadra ceca è uscita agli ottavi di finale dopo la doppia sconfitta subita contro l’Arsenal. Quello che sicuramente può incutere timore alla Fiorentina è il reparto avanzato della squadra biancorossa. Sono ben 37 le reti segnate in 7 partite e solo 8 quelle subite.

Maria Laura Scifo

Seguici su Metropolitan Magazine

Seguici su Facebook

Adv
Adv
Adv
Back to top button