10.1 C
Roma
Aprile 18, 2021, domenica

‘Sofagate’, l’Europa Erdogan: “Arrogante e maschilista”

- Advertisement -

Con toni ironici e indignati lo spregevole incidente è stato ribattezzato ‘Sofagate’, un hashtag che sta spopolando nel web attualmente. Mancanza di rispetto riservata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen da parte del presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, lasciata senza sedia mentre veniva ricevuta al palazzo di Ankara. Il filmato che la riprende in piedi senza un posto dedicatole – al fianco di Erdoğan era seduto Charles Michel presidente del Consiglio europeo – ha suscitato forti discussioni da parte dell’opinione pubblica.

il gesto ha destato forti critiche unanime da parte dei partiti italiani. L’hashatag’Sofagate’ come condanna del gesto di Erdoğan

Svista del protocollo o mancanza di diritti verso le donne in Turchia? Al centro dell’hashtag ‘Sofagate’ si scatena una polemica verso Erdoğan che deliberatamente ha snobbato von der Leyen. Dal video si coglie un “Ehm” da parte del presidente della Commissione, con l’intenzione di manifestare tutta la sua disapprovazione. Le è stata dunque assegnato un divanetto a tre metri di distanza, davanti al ministero degli esteri Turco Mevlut Cavusoglu.

un episodio “che non è affatto piaciuto alla presidente” riportano fonti UE, che accusano anche Michel di non essere intervenuto per riparare al torto subito da von der Leyen.

Scontata la disapprovazione a Bruxelles il giorno dopo. “Mettiamo le cose in chiaro. Qualcuno dovrebbe vergognarsi a causa della mancanza di un posto adeguato per Ursula von der Leyen nel palazzo di Erdogan“, così riporta in un tweet il Ppe, la principale formazione politica all’Europarlamento. a ribadire il concetto è la presidente del gruppo dei Socialisti e democratici (S&d) all’Europarlamento, Iratxe Garcia Perez che sempre tramite Twitter non usa di certo toni leggeri, “Prima si ritirano dalla Convenzione di Istanbul e ora lasciano il presidente della Commissione europea senza un seggio in visita ufficiale. Vergognoso“. La lega ha commentato il comportamento di Erogan come qualcosa di “indecente”.

La von der Leyen non si è espressa in merito all’accaduto ma fonti attendibili riportano un certo sgomento. Meglio concentrarsi sulla sostanza dei problemi anziché la forma ha però suggerito. In effetti i temi da discutere con il presidente turco non sono pochi: la missione dei leader europei ad Ankara serviva a placare mesi di tensioni innescate dalle navi turche che cercano petrolio e gas nelle acque riconosciute a livello internazionale come appartenenti a Grecia e Cipro.

Questione ulteriormente spinosa il tema emigrazione e dei diritti umani, dove l’Ue ha garantito nuovi finanziamenti per l’assistenza ai rifugiati. Ed è stato forse il gesto deplorevole a spingere Von der Leyen a insistere sulla Convenzione di Istanbul e sul rispetto dei diritti umani, in primis delle donne: “Sono profondamente preoccupata -ha detto alla stampa alla fine dell’incontro – per il fatto che la Turchia si sia ritirata dalla Convenzione di Istanbul. Occorre proteggere le donne e proteggere i bambini dalla violenza”.

Giovanni Campagnoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -