Attualità

Speranza: “Se necessarie nuove ordinanze”

Nelle prossime 48 ore “vedremo i nuovi dati e se necessario ci saranno altre ordinanze”, cioè’ altre zone rosse o arancioni. Lo dice in un colloquio con Il Fatto Quotidiano Il Ministro della Salute Roberto Speranza. 

In Italia quasi 38mila nuovi casi con oltre 234mila tamponi. 446 morti e 124 terapie intensive nelle ultime 24 ore. Attesa la circolare del Viminale sui dettagli delle procedure. Approvato nella notte il decreto Ristori bis: 2,5 miliardi di nuovi aiuti. Secondo l’Oms, ancora un record di nuovi casi nel mondo che toccano quota 581mila in 24 ore.

“Il Dpcm prevede che il ministro possa intervenire su una Regione, non su una Provincia. Ma sull’area metropolitana può intervenire il presidente De Luca, come ha fatto Zingaretti a Latina” aggiunge, commentando il suggerimento di Walter Ricciardi di chiudere l’area metropolitana di Napoli.  “Dev’essere chiaro – avverte – che noi stiamo svolgendo una funzione di supplenza nei confronti delle Regioni, che non si possono lamentare anche perché i dati vengono da loro”. Nessuna trattativa “ma i tecnici del ministero si confronteranno con quelli delle Regioni – spiega -. C’è un modello standardizzato, i criteri sono li’ da 24 settimane e se per tre settimane una Regione non da’ i dati diventa zona rossa”. Lo scontro, peraltro, si va attenuando, secondo Speranza. Dopo l’incontro  con i governatori “c’è un clima più confortevole, maggiore collaborazione, anche loro capiscono che la situazione e’ grave”. A preoccupare non sono tanto le terapie intensive “quanto i reparti dell’area medica”.

Back to top button