Dopo oltre due mesi dalla 4 Ore di Shanghai, la Federazione delibererà nella prossima settimana sulla squalifica della Ferrari #51. La scuderia italiana riuscirà a riottenere la vittoria precedentemente sottratta?

Squalifica Ferrari Shanghai – La Federazione Internazionale dell’Automobile è pronta ad ascoltare l’appello della scuderia AF Corse. La scuderia italiana di Amato Ferrari aveva presentato ricorso dopo la squalifica subita dalla Ferrari 488 GTE EVO #51 di James Calado ed Alessandro Pier Guidi alla 4 Ore di Shanghai 2019. Secondo quanto riportato da Motorsport.com, Il ricorso sarà ascoltato martedì 28 gennaio alle 9 del mattino mentre il verdetto sarà pubblicato il prima possibile.

Squalifica Ferrari Shanghai WEC
La Ferrari 488 GTE EVO #51 di James Calado ed Alessandro Pier Guidi durante la 4 Ore di Shanghai – Photo Credit: Ferrari Races

La vettura guidata da Calado e Pier Guidi era stata squalificata in seguito al mancato rispetto dell’altezza minima da terra di una parte dello splitter anteriore. La scuderia italiana aveva immediatamente presentato ricorso con alcune immagini TV in grado di dimostrare l’irregolarità. Nel corso della parte centrale della corsa, la vettura di Calado e Pier Guidi era entrata in contatto con la Porsche 911 RSR 19 #92 di Kevin Estre e Michael Christensen. A causa di quel contatto, la Ferrari #51 ha subito un danno tale da incorrere nell’irregolarità.

Aston Martin Racing Shanghai WEC
La Aston Martin Vantage #95 di Thiim/Sorensen, attualmente leader della classifica iridata LMGTE-Pro – Photo Credit: Aston Martin Racing

Attualmente in sesta ed ultima posizione in classifica iridata, l’eventuale eliminazione della squalifica non restituirebbe solamente la vittoria a Calado e Pier Guidi. L’eliminazione della squalifica comporterebbe un grande balzo in classifica iridata nonché una bella iniezione di fiducia. La Aston Martin #95 di Thiim/Sorensen passerebbe ad 83 punti seguita dalla Ferrari #51 di Calado/Pier Guidi a 68 punti. Il terzo posto sarebbe conteso dalla Porsche #91 di Bruni/Lietz e la Aston Martin #97 di Lynn/Martin entrambe a quota 65, seguite a ruota dalla Porsche #91 di Christensen/Estre a 64. Ultimo posto per la Ferrari #71 di Rigon/Molina a 45 punti.

SEGUICI SU :

© RIPRODUZIONE RISERVATA