Stazione Tiburtina: incendio causa ritardi e treni cancellati

La stazione Tiburtina è il secondo scalo ferroviario romano. Non si esclude il gesto doloso

La stazione Tiburtina si è svegliata questa mattina con un incendio divampato nella cabina che alimenta gli impianti semaforici causando problemi per i treni in partenza ed arrivo. Si è resa necessaria una breve interruzione della circolazione ferroviaria, con i convogli che hanno accumulato ritardi anche fino a 20 minuti.

L’incendio, divampato all’altezza di Ponte Lanciani, ha creato non pochi disagi alla circolazione e ai pendolari. A farne le spese sono soprattutto i passeggeri delle linee Alta Velocità e della Fl1 Roma-Fiumicino, con ritardi fino a 30 minuti, limitazioni e cancellazioni.

Si è reso necessario l’intervento dei pompieri e della Polizia Ferroviaria per tenere sotto controllo la situazione, con i treni che – in entrata ed uscita dalla stazione – procedevano a passo d’uomo, fortemente rallentati.

Per aiutare i passeggeri, è stata messa a disposizione una navetta che arriva alla stazione Ostiense. Da qui sono stati convogliati molti dei treni previsti e che non possono arrivare alla stazione a causa del blocco. Ma i disagi riguardano anche chi viaggia in metropolitana: i treni, infatti, a causa dell’incendio, hanno saltato la fermata della stazione.

Dopo la paura e i tanti disagi, resta ora da accertare la natura dell’incendio. Le indagini sono svolte dalla PolFer Lazio dopo i rilievi da parte della Polizia Scientifica. Non si esclude il dolo, anche se non sono state trovate tracce di bottiglie e innesti. Ovviamente gli investigatori non escludono nessuna ipotesi dato che già in passato altre cabine simili erano state date alle fiamme.

Insomma, un’altra giornata di fuoco per i pendolari che devono far fronte a nuovi ritardi e cancellazioni. Ma la situazione dovrebbe tornare alla normalità nella giornata di oggi.

Continuate a seguirci anche sulle pagine social di Metropolitan Magazine Italia:

© RIPRODUZIONE RISERVATA