Cronaca

Strage di Capaci, Mattarella: “O si è contro la mafia o si è complici”

Durante la commemorazione delle vittime della strage di Capaci nel bunker dell’Ucciardone, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha dichiarato in maniera netta: “O si è contro la mafia o si è complici. Non esistono alternative. È sempre significativo trovarsi in questo bunker dove lo Stato ha assestato grandi colpi a Cosa nostra. La mafia esiste ancora, non è stata sconfitta. Occorre mantenere alta la tensione.”

Le parole di Mattarella contro la mafia e il ricordo di Giovanni Falcone

“La credibilità della magistratura è imprescindibile per lo svolgimento della vita della Repubblica” – ha continuato il Presidente – “Contese, contrapposizione e polemiche all’interno della magistratura, minano il prestigio e l’autorevolezza dell’organo giudiziario”. Anche la ministra della Giustizia Mara Cartabia è intervenuta nel ricordo di Falcone: “Il suo lavoro è stato straordinario. La ricerca della forza economica della mafia, lo ha portato a sviluppare la consapevolezza che occorreva lavorare a livello internazionale. A livello europeo fu il primo ad intuire l’occorrenza di una protezione penale degli interessi finanziari”.

Le iniziative sulla giornata dedicata alle vittime della Strage di Capaci, proseguiranno con l’inaugurazione del progetto “Spazi Capaci/Comunità Capaci“. Il progetto che vuol far vivere le città attraverso le opere d’arte.

Andrea Caucci Molara

Restate aggiornati su Metropolitan Magazine Attualità. Seguiteci su Facebook

Andrea Caucci Molara

Ho 26 anni e sogno fin da piccolo di diventare giornalista. Ho sempre preferito l'edicola al negozio di giocattoli.
Back to top button