Scritto dai fratelli Coen e diretto da nientepopodimeno che George Clooney, Suburbicon è un film del 2017 con protagonisti Matt Damon, Julianne Moore e Oscar Isaac. Alle redini della sua sesta regia, George Clooney mette in scena un noir dai toni crudi e avvincenti. Come ogni marchio di fabbrica Clooney il film ha una densa sfumatura politica. Si parla di razzismo, xenofobia, ma è solo un pretesto per introdurre una sceneggiatura molto più complessa e avvincente.

Trama di Suburbicon

Suburbicon è una città ideale con villette a schiera e cittadini modello. Siamo nel 1959, nella tranquilla e ridente cittadina (abitata da una buona fetta dell borghesia xenofoba statunitense) si trasferisce la prima famiglia di colore. Orrore, scandalo, paura. Le giornate trascorrono pressoché tranquille tra petizioni e raccolte firme per cacciarli dal paese, fino alla morte di Rose (Julianne Moore), moglie di Gardner Lodge (Matt Damon).

suburbicon
suburbicon

Conosciamo finalmente i nostri protagonisti. Rose viene trovata senza vita i benpensanti non perdono tempo ad incolpare la famiglia appena trasferitasi. La verità, però, è tutt’altra…

Ci sono delle immagini nel film che abbattono ogni frontiera della xenofobia. Molto spesso si vedono i bambini ( di entrambi i colori) giocare assieme, senza preoccupazioni per il colore della pelle. Questo è un grande insegnamento di vita, e una verità a metà. Durante l’infanzia non esistono costrizioni sociali o rigide distinzioni ‘razziali’ (se così vogliamo chiamarle), sono gli adulti a modificare il modus pensandi del bambino, introducendo paura, odio e istinti discriminatori.

Scena del film PhotoCredit: dal web
Scena del film PhotoCredit: dal web

George Clooney è, come sempre, una rivelazione. Dietro la macchina da presa risulta essere un grande e brillante regista. Ne avevamo avuto il sentore con Le idi di marzo (2011) e Monuments Men (2014), con Suburbicon ne abbiamo la certezza. Speriamo nel settimo film dell’attore americano.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Allora seguici su MMI e Metropolitan Cinema

© RIPRODUZIONE RISERVATA