Il futuro di Tatiana Calderón molto probabilmente non sarà in Formula 2. La pilota colombiana attualmente collaudatrice di Alfa Romeo Racing in Formula 1 potrebbe prendersi un anno di pausa dalla categoria. La Calderón non esclude un suo approdo in Indycar.

Tatiana Calderón Formula 2 – Dopo una sola stagione in Formula 2, Tatiana Calderón sembra pronta a fare le valigie dalla categoria. Complici dei risultati ben al di sotto delle aspettative ed il cambio di proprietà, la pilotessa colombiana classe ’93 non ha ottenuto il rinnovo di contratto. HWA RaceLab, fino alla scorsa stagione BWT Arden, ha individuato in Artem Markelov e Giuliano Alesi come la coppia piloti per la stagione 2020 di Formula 2. Con le porte sempre più chiuse nella categoria cadetta della Formula 1, Tatiana Calderón è pronta a guardare oltremanica.

Tatiana Calderón Formula 2
Tatiana Calderon durante il weekend di Abu Dhabi in Formula 2 – Photo Credit: BWT Arden

“Non abbiamo ancora nessun piano definitivo, sono ancora qui per i test per vedere se succede qualcosa. Tuttavia, credo sia molto difficile che riesca a rimanere in Formula 2. Il budget rappresenta un problema molto importante al momento e, per questo motivo, sto guardando ad altre opportunità. L’obiettivo finale rimane sempre di arrivare in Formula 1. Credo che mi prenderò un anno sabbatico, dove potrò vedere come saranno le nuove auto con le nuove coperture (da 18 pollici) ed alcuni aggiornamenti. Speriamo di avere notizie certe alla fine di questa settimana”Tatiana Calderón

Tra le diverse opzioni a disposizioni della Calderón, le opzioni oltremanica sono quelle maggiormente appetibili. Un eventuale ritorno alle corse americane rappresenterebbe la migliore soluzione per la colombiana che, oltretutto, ha espresso grande interesse per provare la Indy Lights. La Calderón ha corso la sua ultima stagione negli Stati Uniti nel 2011 nel Star Mazda Championship (oggi Indy Pro) concludendo al sesto posto assoluto con la vettura della Juncos Racing. Ritorno alle origini oppure scenderà di categoria in Europa?

SEGUICI SU :

© RIPRODUZIONE RISERVATA