A 77 anni se ne è andato Terry Jones, membro del gruppo comico Monty Python.

Terry Jones, immagine web
Terry Jones, immagine web

Ci ha lasciato ieri Terry Jones, musicista e comico gallese star dei Monty Python. Malato da qualche anno, l’uomo è celebre soprattutto per aver lavorato 14 anni assieme al gruppo comico, scioltosi, poi, nel 1983. A rendere nota la notizia della morte è stato il suo agente.
È il secondo membro dei Monty Python a lasciarci: il primo ad abbandonare per sempre le scene è stato Graham Chapman, nel 1989. Ad accomunare il gruppo era la complementarietà di tutti i membri: se mancava uno, l’alchimia veniva meno, e gli sketch non rendevano al meglio.

La carriera del gruppo comico decolla nel 1969, e Jones era, insieme a Michael Palin, autore della maggior parte degli sketch. Avevano piena libertà creativa e proprio questo li portò a creare scene al limite dell’assurdo e del ridicolo, stravolgendo continuamente il genere comico. Questo interesse nella realizzazione degli sketch portò Jones a concentrarsi sempre più anche sulla regia, di cui si occupava Terry Gilliam. Da questa “collaborazione” nacque Monty Python e il Sacro Graal (1975), mentre diresse da solo Brian di Nazareth e Monty Python – Il senso della vita (a causa di divergenze con le idee di Gilliam).
Il gruppo comico si ritrovò un’ultima volta nel 2014, in occasione dello spettacolo Monty Python Live (Mostly). Erano trascorsi 31 anni dal loro ultimo film.

Laureatosi in Inglese ad Oxford, Jones era anche uno sceneggiatore, presentatore televisivo e scrittore di numerosi libri per ragazzi. Nel 2016 aveva ricevuto un BAFTA alla carriera, con annessa ovazione del pubblico.
Viene ricordato, da coloro che lo hanno conosciuto, come la personalità più sanguigna del gruppo, incarnando perfettamente l’animosità della sua terra d’origine.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Seguici su MMI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA