The Sims:inclusivo, potente, equo. Il gioco di simulazione di vita più famoso al mondo ha di recente compiuto 20 anni e ha festeggiato condividendo alcune novità. La prima è il rebrand. Ad ogni nuova uscita del gioco venivano apportati cambiamenti alla copertina ufficiale ma quest’anno la novità è di fondamentale importanza. 

Nel corso degli anni, complice le nuove tecnologie e la specializzazione in fatto di grafica dei videogame, the sims ha migliorato sempre più l’esperienza di gioco degli utenti. Chi come me è nato negli anni 90’ ha conosciuto e vissuto le varie fasi del gioco (ci gioco ancora oggi eh!) e apprezzato, qualcuna più qualcuna meno, tutte le versioni. 

photoedit:web

Ma è con l’ultima che EA games ha superato se stesso. The Sims 4, con i suoi pregi e qualche difetto, si è confermato il miglior gioco di simulazione di vita. Ma perché? Cos’è che lo rende così speciale e migliore rispetto a tanti altri videogame succedutisi e caduti poi nell’oblio? (Qualcuno ricorderà sicuramente Single). 

La risposta è una e, nonostante la sua semplicità, fondamentale

In questo videogame puoi essere chiunque tu voglia, o esattamente chi sei nel mo(n)do che vorresti. Le dinamiche di gioco di The sims ti permettono di vivere una vita irreale, perché simulata, ma non per questo improbabile o irrealizzabile. Con la differenza però che non hai alcuno ostacolo davanti a te nell’esprimere la tua personalità, la tua creatività. 

Crei un alter-ego, anni di letteratura l’hanno fatto, lo modelli a tuo piacimento, donandogli i tratti che preferisci, dai capelli fluo, ai piercing, ai tatuaggi maori. Magro, in carne, muscoloso o floscio, o persino un alieno.

Al di là dell’aspetto fisico, è la personalità a meritare qualche parolina in più. 

Da giocatrice decennale ho sperimentato numerose tipologie di gioco e di personalità. Ragazza madre in carriera; madre di una squadra di calcio e CEO di un’azienda; single e chef di un ristorante. Non esistono limitazioni personali o professionali. Come non esistono barriere sentimentali. 

The sims
The Sims celebra Il giorno dell’Orgoglio.
Photoedit:thesims.it

Ho scritto sopra di un rebrand del videogame in occasione dei 20 anni del gioco. La cover recente mostra varie tipologie di Sims tra cui due ragazze, probabilmente una coppia. Gli sviluppatori del gioco hanno fatto ufficialmente coming out in merito alla questione creando gli hashtag #Playwithlife e Playwithlove proponendosi di creare un mondo come dovrebbe essere ,costruito cioè sulla libertà d’espressione

A conferma di ciò, è stato creato anche Il giorno dell’Orgoglio, il nostro Pride. Nonostante quest’anno si sia festeggiato in modo diverso, i creatori di The Sims hanno pensato ad un modo alternativo: il Virtual Pride Parade. Ogni giocatore ha avuto l’opportunità di creare un sims che rispecchiasse lo spirito e il look del Pride e caricarlo sulla galleria ufficiale del sito, o tramite social, usando l’hashtag #SimPride2020

Condividendo l’iniziativa con queste parole:

We want you to show your full expression of self. Be you. Embrace your fabulousness. Honor our history; honor each other. Whoever and however you love, whoever you are—whether you’re a woman, a man, neither, or both—be proud. Play with life. Play with love.

The Sims
The Sims celebra la giornata internazionale della donna.
photoedit:thesims.it

Inoltre lo scorso marzo, in occasione della festa internazionale della donna, è stato rilasciato un video dalla EA in cui veniva sottolineato che il gioco, e tutti coloro che hanno lavorato e lavorano ancora dietro di esso, ha sempre proposto un’ideale di parità fra generi, di qualsiasi tipo, specificando nel comunicato stampa collegato al video
( https://www.ea.com/it-it/games/the-sims/the-sims-4/news/the-sims-international-womens-day-2020):

The Sims va fiero di aver consentito di giocare alla pari fin dal 2000 essendo aperto a tutti, lungimirante e non timoroso di immaginare un mondo migliore. I Sims di sesso femminile e quelli non binari non devono domandarsi se il loro stipendio sarà uguale a quello dei Sims maschi. […] I Sims LGBTQ+ possono vivere insieme in armonia nonché celebrare la propria cultura e spiritualità senza temere ripercussioni riguardo all’espressione individuale. Ogni Sim gode dello stesso stipendio, degli stessi diritti e delle stesse opportunità per realizzare i propri sogni.”. 

Il numero di personaggi femminili creati è impressionate: si aggira intorno agli 800 milioni ed ognuna di loro, così come nella realtà, presenta molteplici sfaccettature senza ripercussioni e pregiudizi. 

In The Sims niente può impedire il raggiungimento dei propri scopi, e soprattutto non il genere, la razza o l’orientamento sessuale. Tutto ciò è possibile nella misura in cui noi lo rendiamo possibile. 

L’engagement è talmente potente e profondo da condurre i giocatori anche all’esterno del gioco stesso, con la creazione di canali Youtube a tema in cui viene riproposta la stessa creatività con l’ideazione di storytelling molti dei quali a sfondo LGBTQ (vedi video https://www.youtube.com/watch?v=8NQdjYAy2sI).  

Insomma le creature con i diamantino verde sulla testa rappresentano un’ideale di vita che speriamo un giorno di poter trasportare nel mondo reale (magari senza diamante e nessuno che controlli i nostri bisogni).

Nel frattempo, Rivoluzioniamo un mondo alla volta.

a cura di Claudia Cangianiello

© RIPRODUZIONE RISERVATA