Pallavolo

Tokyo 2020: l’Italvolley maschile come un “diesel”, asfalta e vince contro Canada

Adv

Esordio sofferto, ma vincente per l’Italvolley, vicecampione olimpica uscente, ai Giochi di Tokyo 2020: la nazionale di Blengini ribalta 3-2 il Canada. Primo set vinto dai nordamericani 28-26, con due set point sprecati dagli Azzurri; dopo un secondo parziale senza sfida a favore degli uomini di Glenn Hoag (25-18), l’Italia pareggia i conti nel terzo (25-21) e nel quarto (25-18). Al tie-break, poi, il 15-11 azzurro decide il match.

All’Ariake Arena gli uomini di Chicco Blengini rovesciano il doppio vantaggio dei canadesi e s’impongono con un grande tie-break. Gran botta e risposta all’inizio del primo set, con gli azzurri che riescono a stare sempre a contatto con gli avversari, per poi trovare il vantaggio del 14-13 grazie al muro spaventoso di Juantorena su Vernon-Evans. Poco prima ci aveva pensato Zaytsev, con un ace, a far sì che l’Italia non crollasse sul -3. Si arriva poi sul 18-15 con un colpo di seconda intenzione per Giannelli, il muro di quest’ultimo su Vernon-Evans e il primo tempo di Piano. Il Canada ribalta la situazione, ma Michieletto mette fine allo scambio più lungo e bello del match per il 20 par

«Molta sofferenza – ammette a fine gara il ct Blengini – sapevamo che sarebbe stata una partita molto difficile. Non solo perché era la prima ma perché il Canada è una squadra di qualità, molti di questi giocatori erano nel sestetto di Rio che alla prima dell’Olimpiade avevano battuto gli Usa 3-0 ed erano gli Stati Uniti che poi hanno preso un bronzo e hanno fatto una semifinale con noi quasi epica».

Sotto di due set e 9-12 nel terzo, nel momento più complicato l’Italivolley ha saputo soffrire e tirare fuori l’orgoglio: «Ce l’aspettavamo – aggiunge il commissario tecnico azzurro – però la differenza la fai quando dopo aver sofferto, poi hai le risorse per aggiungere resistenza, altrimenti la parte psicologica ti condiziona e ti scompone».

Sulla strada degli azzurri adesso c’è la Polonia. «La favorità per la medaglia d’oro», dice Blengini. Un motivo in più per provare lo sgambetto.

Adv
Adv
Adv
Back to top button