Dopo aver parlato dell’esperienza di Nicolas Viola, adesso è il turno del secondo centrocampista della nostra personale Top XI della Serie B. Si tratta di Tommaso Pobega, un ragazzo con poca esperienza rispetto al giocatore giallorosso ma che ha classe da vendere.

Un giovane talento

Tommaso Pobega è uno dei calciatori più giovani della Serie B. Il giovanissimo gioiello di proprietà del Milan (classe 1999) lo scorso anno si è fatto notare in Serie C con la Ternana, e quest’anno sotto la guida di Tesser con il Pordenone neopromosso ha fatto i miracoli. Appartiene ancora al Milan, e la prossima stagione i rossoneri dovranno scegliere se mandarlo ancora in prestito o farlo esordire in Serie A. Ha esordito in Serie B con una doppietta al Frosinone ed un assist, per poi essere confermato come titolare nel fantastico undici del Pordenone. I neroverdi hanno vantato posizioni di vertice per più di metà campionato, ed il merito va in gran parte a lui. E’ un giocatore talentuoso che in futuro farà gola ai migliori club italiani. Dall’inizio della stagione ad oggi si è notato il suo miglioramento, e non vediamo l’ora di vederlo esordire nella massima serie italiana.

Tommaso Pobega, un giocatore completo

Tommaso Pobega ha tutte le caratteristiche che un centrocampista dovrebbe avere: è fisico, forte di testa, in grado sia di attaccare che di difendere, ed ha una fantasia invidiabile. Quando il classe ’99 sposta la palla sul suo piede sinistro diventa pericoloso. Può sia cercare un’imbucata che concludere, ed entrambe le opzioni vanno temute. Quest’anno ha segnato 4 reti e servito 3 assist in 21 partite. Sono dei buoni numeri per un centrocampista centrale, ma comunque anche senza trovare gol o assist Pobega è sempre riuscito a mettere il suo zampino, a cambiare la partita con prestazioni sontuose. Non sappiamo se il prossimo anno giocherà per i rossoneri o per i neroverdi, ma una cosa è certa: ovunque questo giovanissimo talento andrà a giocare, farà la differenza.

Foto: Gabriele Maltinti/Getty Images

Seguici su Facebook!

© RIPRODUZIONE RISERVATA