Calcio

Torino, si aspetta il colpo a centrocampo: ipotesi Gedson Fernandes

A otto giorni dalla chiusura del calciomercato, i tifosi del Torino attendono risposte dalla società in merito alle trattative in entrata. I granata non hanno ancora ufficializzato alcun acquisto, nonostante i nomi e le idee non manchino al ds Vagnati. Il presidente Urbano Cairo, durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore Davide Nicola, ha promesso che il Toro si sarebbe mosso in tal senso, per consegnare al neo allenatore i giusti rinforzi per uscire dalla zona retrocessione. Una suggestione arriva in queste ore dall’Inghilterra: Gedson Fernandes potrebbe lasciare il Tottenham, dove fatica a trovare spazio e la cosa non piace né al giocatore né al Benfica, squadra che ne detiene il cartellino. Per il Torino potrebbe essere un’occasione unica.

Torino, Gedson Fernandes costa: possibile in prestito

Sul centrocampista classe ’99 si è espresso anche lo stesso Josè Mourinho, il quale ha affermato che “non è un giocatore di nostra proprietà, dunque non possiamo trattare con altri club. Dal Benfica ci hanno fatto sapere che il ragazzo non sta giocando quanto vorrebbero: non è nostro diritto trattenerlo“. Queste le parole del tecnico portoghese.

Una trattativa complicata però, soprattutto se si parla di cifre: attualmente il giocatore è in prestito al Tottenham, che può esercitare il diritto di riscatto a 50 milioni: questa è la valutazione del cartellino, una cifra indubbiamente importante per le casse del Torino: se si farà, l’unico sbocco possibile sarebbe il prestito semestrale.

Torino, continua ad essere vivo lo scambio Zaza-Pavoletti

Per l’attacco, invece, proseguono i contatti con il Cagliari per Leonardo Pavoletti: l’ex Genoa è ancora un obiettivo granata e i sardi vorrebbero regalare a Eusebio Di Francesco una seconda punta da affiancare a Simeone: Simone Zaza, fresco di doppietta contro il Benevento, è l’idea principale: pertanto un eventuale scambio accontenterebbe entrambe le parti.

Giovanni Massaiu

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button