Trapani in B ma senza il suo condottiero

Dopo due anni dalla retrocessione in C il Trapani torna in Serie B e chiude l’elenco delle prossime partecipanti per la stagione 2019-2020

“Nessun limite, solo orizzonti”. Si è aperta con queste parole del mister Italiano il 4 luglio la stagione del Trapani Calcio.

Il 15 giugno scorso, con la vittoria 2-0 sul Piacenza in finale playoff i granata hanno occupato l’ultimo posto disponibile tra le squadre che, da agosto, prenderanno parte al prossimo campionato cadetto.

Al termine dei due match la squadra sicula ha avuto la meglio facendo esplodere di gioia i tifosi trapanesi, che hanno letteralmente invaso le vie cittadine per festeggiare quello che è sembrato un miracolo più che un risultato voluto.

trapani
Invasione tifosi del Trapani dopo vittoria finale playoff – Photo credit: gsdit-immedia.it

Trapani: dalla gioia alla tribolazione

Le grida di gioia però si stringono in gola già dal giorno successivo.

Giorgio Heller, imprenditore romano, dichiara di aver acquisito l’80% del pacchetto azionario della società gestita dalla F.M Service srl rappresentata dall’amministratore unico De Simone, il quale però nega qualsiasi operazione e annuncia la ricerca di nuovi acquirenti.

Trapani è sconvolta, mancano solo 6 giorni alla chiusura dei termini per l’iscrizione in Serie B che deve avvenire entro il 24 giugno con fidejussioni annesse, ma non si ha chiara ancora neanche la compagine proprietaria del club per la prossima stagione.

L’addio di Italiano

A versare benzina sul fuoco l’addio di colui che, a detta di tutti, è stato il vero artefice di questo risultato: Vincenzo Italiano.

L’allenatore, con una lunga lettera, ringrazia i suoi ragazzi, tifosi e la società per il risultato ottenuto annunciando di essere pronto per una nuova sfida che lo vedrà protagonista con lo Spezia il prossimo anno. Eccolo in un tratto:

Quello che abbiamo fatto, tutti assieme, noi in campo e la città vicino a noi, è leggenda. Questa non è una lettera di ringraziamenti, come altre, ma la sintesi di una stagione straordinaria, nata tra mille difficoltà e conclusa con una festa che nessuno avrebbe mai potuto immaginare.

È mercoledì 19, la tifoseria è spiazzata. Forte il legame che legava il tecnico alla città che come unico obiettivo aveva quello di mantenerlo con loro il prossimo anno.

Ma presto si rendono conto che c’è ben altro da mantenere: lo stesso Trapani e la categoria appena conquistata.

Mancano ormai 2 giorni (considerati il sabato e la domenica d’intermezzo) al giorno della scadenza per le iscrizioni al campionato e per il compimento del passaggio di consegne tra De Simone e Heller, ma le parti sembrano più distanti che mai e il baratro del fallimento si allarga sempre più.

L’intesa

Bisognerà attendere fino a giovedì sera per iniziare a sciogliere quell’ingrovigliato nodo che una città intera ha ormai in gola da inizio settimana.

È infatti il 20 che le parti si danno appuntamento per venerdì 21 dinanzi al Notaio Barbara Galea di Roma per formalizzare nero su bianco il passaggio delle quote. Un milione il valore dell’operazione, più 580 mila euro di bonus in caso di promozione in Serie A nella prossima stagione.

Addirittura una decina di temerari tifosi partirà dalla Sicilia per aspettare il fatidico momento fin sotto lo studio notarile, dal quale le parti entrate in mattinata verso le 12 e 30 usciranno solo intorno alle 18.

L’annuncio

Ci penserà direttamente il nuovo proprietario Giorgio Heller a rassicurare tutti pubblicando sul suo profilo ufficiale Facebook la celeberrima immagine del comignolo del Vaticano raffigurante una fumata bianca, classico simbolo dell’intesa raggiunta.

All’uscita con poche parole spiega che tutto è andato per il verso giusto ed omaggia il gesto dei valorosi crociati marciati fino a Roma con un selfie di ringraziamento.

Heller con i tifosi all’uscita dal palazzo notarile – Photo credit: Francesco Pietrella

Pochi minuti dopo sarà direttamente la società a chiarire con maggiori dettagli attraverso un comunicato ufficiale:

Si comunica che oggi pomeriggio presso lo studio del notaio Barbara Galea a Roma è stata definita la cessione del 100 per cento della proprietà della Società Trapani Calcio dalla F.M.Service srl, rappresentata dall’amministratore unico Maurizio De Simone, ad una cordata di imprenditori, intervenuta per il tramite del dottor Giorgio Heller.

continua il comunicato:

La nuova proprietà del Trapani Calcio è al lavoro per l’espletamento di tutti gli adempimenti necessari ai fini dell’iscrizione al prossimo campionato di serie B, a partire dalla fideiussione, già definita con Assicurazioni Generali.
Concluse tutte le operazioni urgenti per garantire l’iscrizione del Trapani Calcio al campionato la nuova proprietà sarà presentata alla stampa ed ai tifosi.

Dunque il peggio è scongiurato, ma la partita non è ancora definitivamente conclusa.

Entro lunedì bisognerà consegnare tutto il necessario per adempiere all’iscrizione, atto per il quale lo stesso Heller ha già promesso di essere al lavoro per chiudere definitivamente il capitolo, ed iniziare finalmente a programmare la stagione che verrà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA